INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Fattore umano

Nel termine “Fattore Umano” vengono ricompresi molteplici aspetti di studio.
Negli Stati Uniti il termine “Human Factor” viene utilizzato per individuare la disciplina che nel resto del mondo è nota come “Ergonomics” o Ergonomia, secondo la definizione della International Ergonomics Association:

“L’Ergonomia (o scienza del Fattore Umano) è la disciplina scientifica che studia interazioni tra essere umano e gli altri elementi di un sistema applicando teorie, principi, dati e metodi per progettare allo scopo di migliorare il benessere umano e le prestazioni del sistema.”

Il Fattore Umano si riferisce a quegli elementi quali lavoro, organizzazione, e individuo che hanno influenza sul comportamento e dunque anche conseguenze sugli obiettivi di salute e sicurezza.

L’obiettivo primario dell’approccio “Fattore Umano” è il miglioramento del livello di affidabilità dell’operatore e più in generale del sistema all’interno del quale il singolo lavoratore opera, tenendo conto della complessità di tutti gli elementi con i quali egli si deve interfacciare. Ciò implica evidentemente la tendenza a minimizzare la presenza di errori: le più dirette applicazioni connesse agli studi sul fattore umano analizzano infatti l’errore umano, inteso come squilibrio tra le componenti del sistema “uomo-macchina-ambiente” che provoca un abbassamento dell’affidabilità dell’intero sistema anche se le singole componenti mantengono elevata affidabilità.

Per una corretta analisi di uno - o più - dei molteplici aspetti che caratterizzano un’Organizzazione, come ad esempio un’azienda, occorrerà dunque innanzitutto studiare l’Organizzazione nel suo complesso, quindi addentrarsi nell’insieme di relazioni che legano gli elementi, ovvero i materiali, le regole, le persone, che la costituiscono, per passare infine alla gestione dei “modi di essere ed agire” dei gruppi sociali di individui (comportamenti e aspetti psicosociali).

Allegati

Definizione

Le Organizzazioni svolgono le proprie attività attraverso l’impiego di due componenti fondamentali: le risorse materiali e quelle umane. È oramai diffuso l’uso del termine “Fattore Umano” per indicare l’insieme delle risorse umane e delle attività da queste svolte per conseguire i fini organizzativi: questa definizione include tre aspetti strettamente intercorrelati tra loro:

  • Individuo: ovvero l’insieme delle competenze ed abilità, il vissuto personale, le motivazioni
  • Lavoro: occorre considerare aspetti quali la natura del compito, il carico di lavoro, le procedure, strumenti e metodi di verifica e controllo, ambiente
  • Organizzazione: e dunque leadership, struttura organizzativa, modalità comunicative, fini primari e secondari, valori condivisi.

Sebbene sia essenziale concentrare l’attenzione sull’individuo, sulla sua responsabilizzazione e sulle sue competenze, al fine di verificare che i suoi comportamenti siano congruenti con i fini ed i valori organizzativi, occorre prima di tutto intervenire a monte, ovvero sull’Organizzazione medesima e sulle modalità con le quali è gestito il lavoro, dal momento che i comportamenti delle figure appartenenti ai livelli operativi sono evocati da stimoli antecedenti e modificati da conseguenze che fanno capo alle scelte (o alla loro assenza o carenza) del vertice strategico.


Anche la normativa comunitaria ed italiana in materia di salute e sicurezza sul lavoro manifesta la consapevolezza dell’importanza del Fattore Umano e dell’implementazione di modelli organizzativi, imponendo attività di formazione ed informazione ed invitando a realizzare forme attive di coinvolgimento e partecipazione dei lavoratori; tali principi sono richiamati anche dalla norma BS OHSAS 18001:2007 e dalle linee guida Uni-Inail per i Sistemi di Gestione di Salute e Sicurezza sul Lavoro, che aggiungono l’esigenza di definire una gestione coordinata della comunicazione interna ed esterna.


Lo studio del Fattore Umano prende l’avvio dall’Ergonomia cognitiva, a partire dai lavori di Simon sulla teoria della razionalità umana sino alla teoria dell’errore umano di Reason negli anni ’90.

Ultimo aggiornamento: 31/05/2019