INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Circolare INAIL n. 56 del 27 luglio 2001

Legge 23 dicembre 2000, n. 388, recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2001) : articolo 116, commi da 8 a 20. Nuovo sistema sanzionatorio.Tabelle semplificative.

Organo: INAIL - DIREZIONE CENTRALE RISCHI
Documento: Legge 23 dicembre 2000, n. 388, recante "disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2001)": articolo 116, commi da 8 a 20. Nuovo sistema sanzionatorio. Tabelle semplificative.

QUADRO NORMATIVO

D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124, recante il Testo Unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (T.U.).
Articoli 12, commi 1-3, 28, commi 3-7, 44 e successive modificazioni: tipologie di denunce e pagamenti del premio.

D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, recante disposizioni sulla riscossione delle imposte sul reddito.Articolo 30, sostituito dall'articolo 14 del D.lgs. n. 46/1999: interessi di mora.

Legge 24 novembre 1981, n. 689, recante modifiche al sistema penale.

Articoli 10, 16, 22, 22-bis, 23, 35 e 37, innovati dall'articolo 52 del D.lgs. n. 213/1998, dagli articoli 96-99 del D.lgs. n. 507/1999 e dall'articolo 116, commi 12 e 19, della legge n. 388/2000: limite minimo della sanzione amministrativa; pagamento in misura ridotta; giudizio di opposizione all'ordinanza-ingiunzione; violazioni cd. sostanziali; sanzione penale per l'omissione o falsità di denuncia obbligatoria.

Decreto-legge 9 ottobre 1989, n. 338, convertito in legge 7 dicembre 1989, n. 389, recante disposizioni urgenti in materia contributiva.
Articolo 2, comma 11: pagamento rateale.

Legge 23 dicembre 1996, n. 662, recante misure di razionalizzazione della finanza pubblica.
Articolo 1, commi 217-222 e 224: previgente sistema sanzionatorio.

Decreto legislativo 24 giugno 1998, n. 213, recante disposizioni per l'introduzione dell'EURO nell'ordinamento nazionale.
Articolo 2, comma 1: tasso ufficiale di riferimento (t.u.r.).
Articolo 52, di modifica dell'articolo 16 della legge n. 689/1981: pagamento in misura ridotta della sanzione amministrativa.

Decreto legislativo 30 dicembre 1999, n. 507, recante depenalizzazione dei reati minori e riforma del sistema sanzionatorio, ai sensi dell'articolo 1 della legge n. 205/1999.
Articoli 96-99, di modifica/inserimento degli articoli 10, 22, 22-bis e 23 della legge n. 689/1981: limite minimo della sanzione amministrativa; giudizio di opposizione all'ordinanza -ingiunzione.

Decreto legislativo 23 febbraio 2000, n. 38, recante disposizioni in materia di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, a norma dell'articolo 55, comma 1, della legge n. 144/1999.
Articolo 14, comma 2: sanzione amministrativa in caso di omessa o errata comunicazione del codice fiscale dei lavoratori assunti o cessati dal servizio.

Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, recante il Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali.
Articolo 2: province, comuni, città metropolitane, comunità montane, comunità isolane, unioni di comuni, consorzi cui partecipano enti locali.

Decreto 11 dicembre 2000 del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica: interessi legali dal 1.1.2001.

Legge 23 dicembre 2000, n. 388, recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2001).
Articolo 116, commi 8-20: nuovo sistema sanzionatorio.

Direttiva interministeriale 19 aprile 2001, in materia di riduzione delle sanzioni civili, adottata ai sensi dell'articolo 116, comma 15, della legge n. 388/2000.

Circolare INAIL n. 14/1998 (previgente sistema sanzionatorio).

Circolare del Ministero del lavoro e della previdenza sociale n. 12/2001 (disposizioni in materia di lavoro: chiarimenti operativi)

SOMMARIO:

  1. PREMESSA.
  2. SANZIONI CIVILI: nuova disciplina.
    2.1. Disciplina ordinaria: criteri di calcolo e tipologie delle inadempienze.
    2.1.1. Omissione.
    2.1.2. Omissione derivata da oggettive incertezze.
    2.1.3. Evasione accertata d'ufficio.
    2.1.4. Evasione denunciata spontaneamente entro 12 mesi.
    2.1.5. Evasione derivata da oggettive incertezze.
    2.2. Disciplina ordinaria: pagamento di sanzioni civili ed interessi di mora da parte di amministrazioni dello stato ed enti locali.
    2.3. Disciplina speciale: particolari tipologie di inadempienze.
    2.3.1.Omissione od evasione nelle ipotesi di procedure concorsuali.
    2.3.2.Omissione nelle ipotesi di enti non economici e di enti, fondazioni e associazioni non aventi fini di lucro.
    2.3.3.Omissione od evasione nelle ipotesi di oggettive incertezze di particolare rilevanza, fatto doloso del terzo e crisi aziendale.
    2.4. Disciplina speciale: pagamento rateale fino a 60 mesi.
    2.5. Disciplina speciale: interessi legali.
  3. SANZIONI CIVILI: disciplina per le inadempienze commesse prima del 2001.
  4. PAGAMENTO DEL PREMIO EFFETTUATO IN BUONA FEDE AD UN ENTE DIVERSO DALL'ISTITUTO.
  5. SANZIONI AMMINISTRATIVE: modifiche all'articolo 35 della legge n. 689/1981.
    5.1. Nuova disciplina per le violazioni dal 2001.
    5.2. Disciplina per le violazioni anteriori al 2001.
  6. SANZIONI AMMINISTRATIVE: altre modifiche alla legge n. 689/1981.
    6.1. Articolo 10: limite minimo.
    6.2. Articolo 16: pagamento in misura ridotta.
    6.3. Articolo 22: opposizione all'ordinanza-ingiunzione.
    6.4. Articolo 22-bis : competenza per il giudizio di opposizione
    6.5. Articolo 23: giudizio di opposizione.
  7. EVASIONE MENSILE DI CUI ALL'ARTICOLO 37 DELLA LEGGE N. 689/1981: nuova disciplina.

* * *

  1. PREMESSA.
    Sul Supplemento ordinario alla G.U. del 29 dicembre 2000, n. 302, è stata pubblicata la legge n. 388/2000 - in vigore dal 1° gennaio 2001 - che, all'articolo 116, recante "misure per favorire l'emersione del lavoro irregolare", prevede dal comma 8 il nuovo sistema sanzionatorio.
    Come già risulta dalla previgente normativa, le inadempienze, consistenti nel mancato rispetto del "termine stabilito" dalla legge per il pagamento del premio (v. allegato n. 1), si distinguono in omissioni ed evasioni:
    • l'omissione è il mancato o ritardato pagamento del premio il cui ammontare è rilevabile dalle denunce obbligatorie;
    • l'evasione è ogni altro mancato o ritardato pagamento del premio, connesso a denunce obbligatorie non presentate o non conformi al vero.
    La nuova normativa delle sanzioni civili si applica anche alle inadempienze commesse prima del 2001, ad esclusione di quelle relative alle sanzioni già versate entro il 30 settembre 2000, trattandosi di fattispecie non comprese nella disposizione del citato articolo 116, comma 18 (v. paragrafo 3).
    Le ulteriori differenze del nuovo sistema sanzionatorio rispetto al precedente sono di seguito riassunte:
    • le "oggettive incertezze" sono riferite anche all'evasione;
    • la denuncia spontanea dell'evasione è prevista entro 12 mesi;
    • le sanzioni civili sono previste in due sole misure, entrambe rapportate alla durata dell'inadempienza;
    • i tetti massimi delle sanzioni civili sono il 40% ed il 60% in relazione alle tipologie di inadempienze;
    • oltre il tetto massimo della sanzione civile, sono previsti interessi di mora;
    • le amministrazioni dello Stato e gli enti locali sono tenuti al pagamento delle sanzioni civili e degli eventuali interessi di mora;
    • nelle ipotesi di oggettive incertezze di particolare rilevanza, fatto doloso del terzo e crisi aziendale, la riduzione delle sanzioni civili fino alla misura degli interessi legali è disposta con criteri e modalità fissati dagli enti impositori sulla base di apposite direttive interministeriali (v. allegato n. 4);
    • nelle dette ipotesi di oggettive incertezze di particolare rilevanza e fatto doloso del terzo, il pagamento rateale ex lege n. 389/1989 (per premio e sanzioni civili ridotte) può essere consentito fino a 60 mesi, previa autorizzazione interministeriale;
    • le sanzioni amministrative per violazioni cd. sostanziali sono abolite;
    • la sanzione penale per l'omissione o falsità di denuncia obbligatoria richiede una evasione mensile accertata d'ufficio non inferiore al maggior importo fra 5 milioni e il 50% del premio complessivo dovuto (il reato si estingue con la regolarizzazione).
    Tanto premesso, nei paragrafi seguenti è esposta, nell'ordine, la disciplina delle sanzioni civili e delle sanzioni amministrative per le inadempienze commesse dal 2001 e per quelle anteriori.
    Infine, nelle tabelle degli allegati nn. 2 e 3, è illustrato sinteticamente il nuovo sistema delle sanzioni civili in relazione alle tipologie delle inadempienze.
    * * *
  2. SANZIONI CIVILI: nuova disciplina.
    La nuova normativa, prevista dai commi 8-11 e 15-17 dell'articolo 116, si suddivide come segue:
    • disciplina ordinaria (commi 8, 9, 10 e 11), relativa al pagamento delle sanzioni nelle misure intere stabilite dalla legge, più eventuali interessi di mora;
    • disciplina speciale (commi 15, 16 e 17), relativa al pagamento delle sanzioni in misura ridotta fino agli interessi legal
    Mentre i commi 8 e 10 regolano le tipologie delle inadempienze (omissioni ed evasioni), il comma 9 dispone l'applicazione degli interessi di mora di cui all'articolo 30 del D.P.R. n. 602/1973, come sostituito dall'articolo 14 del D.lgs. n. 46/1999, in base allo specifico tasso determinato annualmente con decreto del Ministero delle finanze con riguardo alla media dei tassi bancari attivi (al momento, pari all'8,4%: v. D.M. 28.7.2000 - G.U. 12.8.2000, n. 188).
    Nella disciplina ordinaria è pure da comprendere il comma 11, relativo al pagamento di sanzioni ed eventuali interessi di mora da parte di amministrazioni dello Stato ed enti locali.
    I commi 15 e 16, invece, regolano le particolari tipologie di inadempienze alle quali sono applicabili le sanzioni ridotte fino alla misura degli interessi legali.
    Nella disciplina speciale è pure da comprendere il comma 17, relativo al pagamento rateale ex lege n. 389/1989 fino a 60 mesi.
    Si espone, nell'ordine, quanto riguarda la disciplina ordinaria e la disciplina speciale.
    2.1. Disciplina ordinaria: criteri di calcolo e tipologie delle inadempienze.

    Le nuove disposizioni prevedono, a titolo di sanzione civile, il pagamento di una somma in ragione d'anno, commisurata in percentuale all'importo del premio non versato "entro il termine stabilito" dalla legge, fino al tetto massimo del 40% o del 60% secondo il tipo di inadempienza.
    La sanzione civile va calcolata dalla data iniziale dell'inadempienza (giorno successivo alla scadenza di legge non rispettata) fino alla data di pagamento del premio o di raggiungimento del citato tetto massimo.
    Oltre il limite massimo della sanzione civile (40% o 60%), sul premio non versato maturano gli anzidetti interessi di mora, da calcolare fino alla data di pagamento del premio.
    Per le evasioni, tuttavia, se il premio è pagato entro il termine fissato dall'Istituto, la somma dovuta a titolo di risarcimento patrimoniale resta ferma nella misura maturata il giorno precedente la definizione dell'accertamento d'ufficio o la denuncia spontanea.
    Ciò posto, si evidenziano le tipologie delle inadempienze secondo l'ordine illustrato nella tabella dell'allegato n. 2:
    • omissione;
    • omissione derivata da "oggettive incertezze";
    • evasione accertata d'ufficio;
    • evasione denunciata spontaneamente entro 12 mesi;
    • evasione derivata da "oggettive incertezze".
    2.1.1. Omissione.
    Il comma 8, lettera a), prevede che, nell'ipotesi del mancato o ritardato pagamento del premio il cui ammontare è rilevabile dalle denunce obbligatorie, si applica la sanzione civile pari al tasso ufficiale di riferimento - ex articolo 2, comma 1, del D.lgs. n. 213/1998 - maggiorato di 5,5 punti.
    Il t.u.r., al momento, è uguale al 4,5% (provvedimento della Banca d'Italia 10.5.2001 - G.U. 15.5.2001, n.111) e, dunque, la sanzione civile è pari al 10%.
    Questa sanzione non può superare il tetto massimo del 40% del premio omesso.
    Oltre tale limite - dal giorno successivo a quello in cui matura il tetto massimo fino alla data dell'effettivo pagamento del premio - si applicano gli interessi di mora sul premio non versato, al tasso specificato nel paragrafo 2 (al momento, pari all'8,4%).
    Il t.u.r. e il tasso degli interessi di mora da assumere nel calcolo sono quelli in vigore alla data dell'effettivo pagamento del premio.
    2.1.2. Omissione derivata da oggettive incertezze.

    Il comma 10 prevede l'ipotesi dell'omissione motivata da "oggettive incertezze connesse a contrastanti orientamenti giurisprudenziali o amministrativi sulla ricorrenza dell'obbligo contributivo, successivamente riconosciuto in sede giudiziale o amministrativa". In questi casi, a differenza di quanto previsto per le altre omissioni, non si applicano gli interessi di mora allorché il premio sia versato entro il termine fissato dall'Istituto.
    Le incertezze interpretative sulla ricorrenza dell'obbligo contributivo devono intendersi "oggettive" se sono giustificate da reali contrastanti orientamenti giurisprudenziali o amministrativi, nel senso che, per un periodo delimitato, devono sussistere incerte o discordanti decisioni giurisprudenziali o determinazioni amministrative.
    Esemplificativa a tale riguardo è una sentenza che, in contrasto con una precedente relativa ad altro giudizio, dichiari l'infondatezza dell'obbligo di pagamento (un esempio analogo può valere per una decisione amministrativa).
    Ove, in seguito, l'obbligo contributivo sia definitivamente riconosciuto in sede di giudizio o in sede amministrativa (con decisione, circolare, ecc.), l'Istituto fissa il termine di pagamento del premio omesso:
    • se il premio è versato entro detto termine, si applica (dalla data iniziale dell'inadempienza) la disciplina prevista per l'omissione, ovvero la sanzione civile pari al t.u.r. maggiorato di 5,5 punti, senza calcolare gli interessi di mora;
    • se il premio è versato oltre detto termine, si applica la stessa disciplina prevista per l'omissione, compresi, dunque, gli interessi di mora.
    Non è compresa in questa fattispecie l'ipotesi dell'omissione derivata da oggettive incertezze di "particolare rilevanza", regolata dal successivo comma 15, lettera a), per la quale è disposta la riduzione della sanzione civile fino alla misura degli interessi legali (v. paragrafo 2.3.3).
    2.1.3. Evasione accertata d'ufficio.

    Il comma 8, lettera b), primo periodo, prevede l'ipotesi dell'evasione - connessa a denunce obbligatorie non presentate o non conformi al vero - cioè il caso in cui "il datore di lavoro, con l'intenzione specifica di non versare i contributi o premi, occulta rapporti di lavoro in essere ovvero le retribuzioni erogate".
    Se l'evasione è accertata d'ufficio, si applica la sanzione civile pari al 30% del premio evaso, con il tetto massimo del 60%.
    Oltre tale limite, si applicano gli interessi di mora sul premio non versato (tasso, al momento, pari all'8,4%).
    2.1.4. Evasione denunciata spontaneamente entro 12 mesi.

    Il comma 8, lettera b), terzo periodo, prevede l'ipotesi dell'evasione denunciata "spontaneamente" entro 12 mesi dalla scadenza di legge non rispettata.
    Atteso che questa denuncia va effettuata "prima di contestazioni o richieste da parte degli enti impositori", sono da ritenere spontanee le denunce presentate per evasioni non ancora oggetto di formale contestazione, anche da parte di altri Enti previdenziali o delle Direzioni provinciali del lavoro.
    La misura della sanzione civile è in relazione alla data di pagamento del premio:
    • se il premio è versato entro 30 giorni e, comunque, entro il termine fissato dall'Istituto, si applica la disciplina prevista per l'omissione, ovvero la sanzione civile pari al t.u.r. maggiorato di 5,5 punti nonché, dopo il tetto massimo del 40%, gli interessi di mora;
    • se il premio è versato oltre 30 giorni e, comunque, oltre il termine fissato dall'Istituto, si applica la disciplina prevista per l'evasione accertata d'ufficio, ovvero la sanzione civile pari al 30% nonché, dopo il tetto massimo del 60%, gli interessi di mora.
    E', tuttavia, sottinteso che, nell'ipotesi di evasione denunciata spontaneamente oltre 12 mesi, si applica la disciplina prevista per l'evasione accertata d'ufficio.
    2.1.5. Evasione derivata da oggettive incertezze.

    Il comma 10 prevede anche l'ipotesi dell'evasione motivata da "oggettive incertezze connesse a contrastanti orientamenti giurisprudenziali o amministrativi sulla ricorrenza dell'obbligo contributivo, successivamente riconosciuto in sede giudiziale o amministrativa". In questi casi, si applica solo la sanzione civile prevista per l'omissione allorché il premio sia versato entro il termine fissato dall'Istituto.
    Al riguardo, per il concetto di "oggettive incertezze" si rinvia a quanto già esposto per l'omissione.
    Le oggettive incertezze devono permanere almeno fino all'accertamento d'ufficio o alla denuncia spontanea dell'evasione (in caso contrario, l'inadempienza va sanzionata come evasione).
    Ove, in seguito, l'obbligo contributivo sia definitivamente riconosciuto in sede di giudizio o in sede amministrativa (con decisione, circolare, ecc.), l'Istituto fissa il termine di pagamento del premio evaso:
    • se il premio è versato entro detto termine, si applica (dalla data iniziale dell'inadempienza) la disciplina prevista per l'omissione, ovvero la sanzione civile pari al t.u.r. maggiorato di 5,5 punti, senza calcolare gli interessi di mora;
    • se il premio è versato oltre detto termine, si applica la disciplina prevista per l'evasione accertata d'ufficio, compresi gli interessi di mora.
    Non è compresa in questa fattispecie l'ipotesi dell'evasione derivata da oggettive incertezze di "particolare rilevanza", regolata dal successivo comma 15, lettera a), per la quale è disposta la riduzione della sanzione civile fino alla misura degli interessi legali (v. paragrafo 2.3.3).
    2.2. Disciplina ordinaria: pagamento di sanzioni civili ed interessi di mora da parte di amministrazioni dello stato ed enti locali.

    Il comma 11 prevede che nelle amministrazioni centrali e periferiche dello Stato e negli enti locali il dirigente responsabile è tenuto al pagamento delle sanzioni civili e degli interessi di mora.
    Vista la formulazione di tale disposizione - analoga a quella dell'articolo 1, comma 219, della legge n. 662/1996 - sono da ritenere "enti locali" gli enti "territoriali" già individuati nel paragrafo 1.3 della circolare n. 14/98 (v. altresì lettera D.C.R. 21.12.99), ai quali sono da aggiungere gli "enti locali" indicati nell'articolo 2 del D.lgs. n. 267/2000, in vigore dal 13 ottobre 2000.
    Gli "enti locali", pertanto, sono regioni, province, comuni, città metropolitane, comunità montane, comunità isolane, unioni di comuni e consorzi cui partecipano enti locali.
    Considerate le diverse discipline intervenute in materia, si riassume quanto relativo alle inadempienze, anteriori al 2001 e successive, di amministrazioni dello Stato ed enti locali:
    • per le omissioni ed evasioni commesse prima del 2001, è stabilito l'esonero dall'obbligo di pagare le sanzioni civili e gli interessi legali, ovvero qualsiasi somma che, a titolo di risarcimento patrimoniale, ecceda i premi non versati (articolo 1, comma 219, L. n. 662/1996);
    • per le omissioni ed evasioni commesse dal 2001, è stabilito l'obbligo di pagare le sanzioni civili e gli eventuali interessi di mora (articolo 116, comma 11, L. n. 388/2000).
    2.3. Disciplina speciale: particolari tipologie di inadempienze.
    I commi 15 e 16 prevedono la riduzione delle sanzioni civili (di cui al comma 8) fino alla misura minima degli interessi legali nei seguenti casi di inadempienze derivate da particolari e oggettive situazioni di difficoltà:
    • omissione od evasione nelle ipotesi di procedure concorsuali;
    • omissione nelle ipotesi di enti non economici e di enti, fondazioni e associazioni non aventi fini di lucro;
    • omissione od evasione nelle ipotesi di oggettive incertezze di particolare rilevanza, fatto doloso del terzo e crisi aziendale.
    La riduzione è applicabile a condizione del pagamento integrale del premio omesso o evaso ed è sottinteso che la sua specialità esclude gli interessi di mora.
    2.3.1. Omissione od evasione nelle ipotesi di procedure concorsuali.

    Il comma 16, secondo periodo, rinvia a quanto già disposto dall'articolo 1, comma 220, della legge n. 662/1996: "Nelle ipotesi di procedure concorsuali, in caso di pagamento integrale dei contributi e spese, la somma aggiuntiva può essere ridotta ad un tasso annuo non inferiore a quello degli interessi legali, secondo criteri stabiliti dagli enti impositori."
    Al riguardo - in attesa di una eventuale diversa regolamentazione della materia da parte del Consiglio di Amministrazione dell'Istituto - la prima parte della citata tabella in allegato n. 3 conferma i criteri illustrati nella tabella allegata alla circolare n. 14/98, in funzione del tipo di inadempienza e di procedura concorsuale, con la differenza che il "prime rate" deve intendersi sostituito dal "t.u.r." (tasso ufficiale di riferimento).
    Si ricorda che, a prescindere dalla variabilità del t.u.r., l'aliquota ridotta non può essere, comunque, inferiore al limite minimo costituito dagli interessi legali.

    Resta fermo che l'accoglimento dell'istanza di riduzione della sanzione civile è subordinato alle seguenti condizioni:
    • l'omissione od evasione deve essere oggettivamente connessa alla procedura concorsuale;
    • il credito per premi e spese deve essere pagato integralmente;
    • deve essere accertata l'impossibilità di recupero integrale del credito per sanzione nella misura intera e per eventuali interessi di mora (ad esempio, accertata dall'Organo della procedura concorsuale).
    In tali ipotesi, occorre stabilire un termine per il versamento della sanzione nella misura ridotta, il cui mancato rispetto comporta il ripristino della sanzione nella misura intera e degli eventuali interessi di mora.
    2.3.2. Omissione nelle ipotesi di enti non economici e di enti, fondazioni e associazioni non aventi fini di lucro.

    Il comma 16, secondo periodo, rinvia anche a quanto già disposto dall'articolo 1, comma 221, della legge n. 662/1996: "In caso di omesso o ritardato versamento dei contributi o premi da parte di enti non economici e di enti, fondazioni e associazioni non aventi fini di lucro, la somma aggiuntiva è ridotta fino ad un tasso non inferiore a quello degli interessi legali, secondo criteri stabiliti dagli enti impositori, qualora il ritardo o l'omissione siano connessi alla documentata ritardata erogazione di contributi e finanziamenti pubblici previsti per legge o convenzione."
    Al riguardo - in attesa di una eventuale diversa regolamentazione della materia da parte del Consiglio di Amministrazione dell'Istituto - la seconda parte della citata tabella in allegato n. 3 conferma i criteri illustrati nel paragrafo 1.2.2 della circolare n. 14/98, in funzione della percentuale dei finanziamenti pubblici ricevuti dagli enti rispetto alle loro entrate complessive (non inferiore o inferiore a 2/3).
    Resta fermo che l'accoglimento dell'istanza di riduzione della sanzione civile è subordinato alle seguenti condizioni:
    • l'omissione deve essere oggettivamente causata dalla indisponibilità di un finanziamento pubblico non occasionale alla data prevista dalla legge per il versamento del premio (va, infatti, dimostrata la necessità dell'erogazione pubblica);
    • l'ente deve dimostrare il requisito della prevalenza complessiva dei finanziamenti pubblici ricevuti (almeno 2/3) mediante l'esibizione dei bilanci o di altra idonea documentazione contabile;
    • il premio omesso va versato entro il 16 del mese successivo a quello in cui è avvenuta l'erogazione tardiva, che deve essere specificamente documentata (il mancato rispetto del termine equivale ad una vera e propria omissione).
    • In tali ipotesi, analogamente alle procedure concorsuali, occorre stabilire un termine per il versamento della sanzione nella misura ridotta, il cui mancato rispetto comporta il ripristino della sanzione nella misura intera e degli eventuali interessi di mora.
    2.3.3. Omissione od evasione nelle ipotesi di oggettive incertezze di particolare rilevanza, fatto doloso del terzo e crisi aziendale.
    Il comma 15 ed il primo periodo del comma 16 prevedono la disciplina a regime e la disciplina transitoria di seguito indicate:
    • riduzione delle sanzioni civili secondo criteri e modalità fissati dagli enti impositori sulla base di apposite direttive interministeriali;
    • rinvio - in attesa della fissazione di tali criteri e modalità - a quanto già stabilito dall'articolo 1, comma 224, della legge n. 662/1996, ovvero riduzione delle sanzioni civili con decreto interministeriale, sentiti gli enti impositori e previa motivata e documentata istanza.
    Circa la disciplina a regime, il comma 15 prevede che - fermo restando l'integrale pagamento dei contributi e dei premi dovuti - i consigli di amministrazione degli enti impositori, sulla base di apposite direttive emanate dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, fissano criteri e modalità per la riduzione delle sanzioni civili fino alla misura degli interessi legali nei seguenti casi:
    a) omissione od evasione derivata da "oggettive incertezze connesse a contrastanti ovvero sopravvenuti diversi orientamenti giurisprudenziali o determinazioni amministrative sulla ricorrenza dell'obbligo contributivo, successivamente riconosciuto in sede giurisdizionale o amministrativa, in relazione alla particolare rilevanza delle incertezze interpretative che hanno dato luogo alla inadempienza" e omissione od evasione derivata da "fatto doloso del terzo denunciato, entro il termine di cui all'articolo 124, primo comma, del codice penale, all'autorità giudiziaria;"
    b) omissione od evasione da parte di "aziende in crisi per le quali siano stati adottati i provvedimenti previsti dalla legge 12 agosto 1977, n. 675, dalla legge 5 dicembre 1978, n. 787, dal decreto-legge 30 gennaio 1979, n. 26, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 aprile 1979, n. 95, e dalla legge 23 luglio 1991, n. 223, e comunque in tutti i casi di crisi, riconversione o ristrutturazione aziendale che presentino particolare rilevanza sociale ed economica in relazione alla situazione occupazionale locale ed alla situazione produttiva del settore, comprovati dalla Direzione provinciale del lavoro - Servizio ispezione del lavoro territorialmente competente, e, comunque, per periodi contributivi non superiori a quelli stabiliti dall'articolo 1, commi 3 e 5, della citata legge n. 223/1991, con riferimento alla concessione per i casi di crisi aziendali, di ristrutturazione, riorganizzazione o conversione aziendale."
    Al riguardo, la direttiva interministeriale 19 aprile 2001 (v. allegato n. 4) chiarisce quanto appresso.
    • Le oggettive incertezze di particolare rilevanza devono trarre origine "da contrastanti ovvero sopravvenuti diversi orientamenti giurisprudenziali o determinazioni amministrative, dalla novità o complessità della fattispecie, da obiettiva difficoltà di interpretazione delle norme di settore, ovvero da comportamenti, indicazioni o avvertenze fuorvianti fornite dagli uffici competenti e supportati da prova documentale, da cui sia derivato un obiettivo inesatto convincimento circa la sussistenza dell'obbligo contributivo, successivamente riconosciuto, in via definitiva, in sede giurisdizionale o amministrativa."
    • Il fatto doloso del terzo deve essere denunciato all'autorità giudiziaria entro 3 mesi dal giorno della notizia del fatto costituente reato, "sempreché l'interessato esibisca certificazione dell'autorità giudiziaria attestante che presso la stessa è pendente il relativo procedimento promosso a seguito della denuncia".
    • Le ipotesi di crisi aziendale devono essere distinte in:
      • "casi di crisi, riorganizzazione, riconversione o ristrutturazione aziendale comprovati da formali provvedimenti concessori di interventi di integrazione salariale;"
      • "casi di crisi, riorganizzazione, riconversione o ristrutturazione aziendale che presentino particolare rilevanza sociale ed economica in relazione alla situazione occupazionale locale ed alla situazione produttiva del settore comprovati dalla Direzione provinciale del lavoro - Servizio ispezione del lavoro, territorialmente competente."
    Ciò posto, la direttiva interministeriale stabilisce che la riduzione delle sanzioni può avvenire fino alla misura degli interessi legali vigente alla data di presentazione dell'istanza o fino alla misura degli interessi legali aumentati del 50% in funzione di indicatori predeterminati (v. allegato n. 4).
    Circa la disciplina transitoria, nei citati casi di cui alle lettere a) e b) - fermo restando il pagamento integrale del premio dovuto - le sanzioni civili possono essere ridotte fino alla misura degli interessi legali con decreto interministeriale, sentito l'Istituto e previa motivata e documentata istanza.
    In particolare, la segnalata direttiva interministeriale stabilisce che la disciplina transitoria si applica limitatamente ai crediti in essere ed accertati al 30 settembre 2000 e relativamente alle istanze pervenute al Ministero del lavoro e della previdenza sociale entro 60 giorni dalla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ovvero entro l'11 agosto 2001.
    2.4. Disciplina speciale: pagamento rateale fino a 60 mesi.

    Il comma 17 prevede che, nei casi di oggettive incertezze di particolare rilevanza e fatto doloso del terzo specificati dal comma 15, lettera a), il pagamento rateale ex lege n. 389/1989 può essere consentito fino a 60 mesi, previa autorizzazione del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, e sulla base dei criteri di eccezionalità ivi stabiliti (in tutti gli altri casi, il limite è 36 mesi; v. circolare n. 28/99 e lettere D.C.R. 12.3 e 3.7.01).
    Il mancato rispetto della scadenza di una rata comporta la decadenza da tale agevolazione ed il ripristino della sanzione nella misura intera e degli eventuali interessi di mora.
    2.5. Disciplina speciale: interessi legali.

    L'articolo 1284, comma 1, del codice civile - come sostituito dall'articolo 2, comma 185, della legge n. 662/1996 - nel fissare al 5% la misura del saggio degli interessi legali, prevede che il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, con decreto pubblicato in G.U. non oltre il 15 dicembre dell'anno precedente a quello di riferimento, può modificarne annualmente la misura. Qualora entro il 15 dicembre non sia fissata una nuova misura del saggio, questo rimane invariato per l'anno successivo.
    Si riassume, dunque, il tasso degli interessi legali in vigore dal 1997:
    • Anni 1997 e 1998 = 5%
    • Anni 1999 e 2000 = 2,5% (D.M. 10.12.1998, pubblicato in G.U. 11.12.1998, n. 289)
    • Anno 2001 = 3,5% (D.M. 11.12.2000, pubblicato in G.U. 15.12.2000, n. 292)
    Si precisa, inoltre, che - ai sensi dell'articolo 116, comma 13, della legge n. 388/2000 - nei casi di pagamento dei contributi o premi dovuti alle gestioni previdenziali ed assistenziali per i quali non si fa luogo all'applicazione delle sanzioni civili e degli interessi di mora, non possono essere richiesti neanche gli interessi corrispettivi previsti dall'articolo 1282 del codice civile.
  3. SANZIONI CIVILI: disciplina per le inadempienze commesse prima del 2001.
    Dal comma 18 dell'articolo 116 si desume il principio di retroattività della nuova normativa sulle sanzioni civili, ricavabile dall'espressa previsione della deroga a tale principio.

    Il primo periodo, infatti, prevede che, "per i crediti in essere e accertati al 30 settembre 2000, le sanzioni sono dovute nella misura e secondo le modalità fissate dai commi 217, 218, 219, 220, 221, 222, 223 e 224 dell'articolo 1 della legge 23 dicembre 1996, n. 662."
    Ciò significa che, per gli altri crediti sorti prima del 2001, le sanzioni sono dovute nella misura e secondo le modalità fissate dai commi 8-17 dell'articolo 116.
    Inoltre, poiché "le sanzioni sono dovute" per i premi scaduti, deve ritenersi che i "crediti in essere e accertati al 30 settembre 2000" siano i premi non versati entro il 30.9.2000 e richiesti entro tale data (ovvero omissioni ed evasioni in corso al 30.9)
    E' sottinteso, naturalmente, che le sanzioni sono dovute nelle misure ex lege n. 662/1996 solo se già richieste dall'Istituto. Altrimenti, le sanzioni sono direttamente dovute nelle nuove misure previste dalla legge n. 388/2000.
    Ne deriva che la disciplina da applicare va individuata in base alla seguente distinzione:
    • inadempienze relative ai premi non versati e richiesti entro il 30 settembre 2000, con sanzioni già richieste a norma della legge n. 662/1996: credito contributivo;
    • altre inadempienze commesse prima del 2001: nuova disciplina.
    • In particolare, il secondo periodo del comma 18 prevede che il maggior importo versato (di sanzioni civili) tra quanto dovuto ai sensi della previgente disciplina e quanto calcolato ai sensi della nuova disciplina costituisce un "credito contributivo" nei confronti dell'Istituto. Tale credito potrà essere posto a conguaglio ratealmente nell'arco di un anno, tenuto conto delle scadenze temporali previste per il pagamento dei premi correnti, secondo modalità operative che saranno fissate.
    Ovviamente, detto "credito contributivo" può scaturire solo da sanzioni civili versate dal 1° ottobre 2000, poiché quelle versate entro il 30 settembre sono relative a fattispecie già definite.
  4. PAGAMENTO DEL PREMIO EFFETTUATO IN BUONA FEDE AD UN ENTE DIVERSO DALL'ISTITUTO.
    Al riguardo, il comma 20 dell'articolo 116 dispone: "Il pagamento della contribuzione previdenziale, effettuato in buona fede ad un ente previdenziale pubblico diverso dal titolare, ha effetto liberatorio nei confronti del contribuente. Conseguentemente, l'ente che ha ricevuto il pagamento dovrà provvedere al trasferimento delle somme incassate, senza aggravio di interessi, all'ente titolare della contribuzione."
    In sintesi, il versamento del premio effettuato in buona fede ad un ente previdenziale pubblico diverso dall'Istituto equivale al versamento all'Istituto.
  5. SANZIONI AMMINISTRATIVE: modifiche all'articolo 35 della legge n. 689/1981.
    5.1. Nuova disciplina per le violazioni dal 2001.

    L'articolo 116, comma 12, prevede - oltre quelle già disposte dall'articolo 1, comma 222, della legge n. 662/1996 - ulteriori modifiche in tema di sanzioni amministrative per le violazioni di cui all'articolo 35 della legge n. 689/1981.
    Nel merito, "ferme restando le sanzioni penali, sono abolite tutte le sanzioni amministrative relative a violazioni in materia di previdenza e assistenza obbligatorie consistenti nell'omissione totale o parziale del versamento di contributi o premi o dalle quali comunque derivi l'omissione totale o parziale del versamento di contributi o premi, ai sensi dell'articolo 35, commi secondo e terzo, della legge 24 novembre 1981, n.689".
    Come ben si evince dalla norma, il comma 12 prevede l'abrogazione di tutte le sanzioni amministrative per violazioni cd. "sostanziali", sia "dirette" che "indirette".
    Al contrario, poiché nulla è previsto in merito alle violazioni di cui all'articolo 35, comma 7 (cd. "formali"), è implicito che le relative sanzioni amministrative devono essere richieste e pagate.
    Con l'occasione, si ritiene necessario esporre il quadro sintetico dei citati commi 2, 3 e 7 dell'articolo 35:
    • il comma 2 reca le inadempienze contributive (omissioni ed evasioni): violazioni cd. "sostanziali dirette";
    • il comma 3 reca le inadempienze amministrative da cui derivano le inadempienze contributive (evasioni): violazioni cd. "sostanziali indirette";
    • il comma 7 reca le altre inadempienze amministrative, ovvero quelle da cui non derivano le inadempienze contributive: violazioni cd. "formali".
    La decorrenza della nuova disciplina ex lege n. 388/2000 riguarda le violazioni commesse dal 1.1.2001 (v. circolare n. 12/2001 del Ministero del lavoro e della previdenza sociale) e, pertanto, da questa data sono dovute solo le sanzioni amministrative per violazioni formali.
    E' sottinteso che tali sanzioni amministrative devono essere pagate anche nel caso di versamento integrale di premi, sanzioni civili ed eventuali interessi di mora (v. paragrafo successivo).
    5.2. Disciplina per le violazioni anteriori al 2001.

    Il previgente articolo 1, comma 222, della legge n. 662/1996 disponeva: "Allorché si fa luogo al pagamento dei contributi e di quanto previsto a titolo di interessi, somme aggiuntive e sanzioni di cui ai commi precedenti, sono estinte le obbligazioni per sanzioni amministrative di cui all'articolo 35 della legge 24 novembre 1981, n. 689."
    Si ricorda che tale estinzione, decorrente dal 1.1.97, concerne l'obbligo di pagare le sanzioni amministrative per le violazioni sostanziali e le violazioni formali della linea-premi e che le eventuali sanzioni amministrative già pagate non possono essere rimborsate (v. circolare n. 14/98, paragrafo 1.4).
    Dunque, per le violazioni commesse prima del 2001, si riepiloga quanto segue:
    • per le violazioni sostanziali e le violazioni formali della linea-premi commesse dal 1.1.1997 al 31.12.2000, nel caso di versamento integrale di premi e sanzioni civili, le sanzioni amministrative non sono dovute;
    • per le tutte le violazioni (sostanziali e formali) commesse prima del 1997, le sanzioni amministrative sono dovute.
  6. SANZIONI AMMINISTRATIVE: altre modifiche alla legge n. 689/1981.
    Si ricorda che la legge n. 689/1981 (articoli 10, 16, 22, 22-bis e 23) è stata già modificata dagli articoli 96-99 del decreto legislativo n. 507/1999 e dall'articolo 52 del decreto legislativo n. 213/1998, in relazione al limite minimo della sanzione amministrativa, al pagamento in misura ridotta ed al giudizio di opposizione all'ordinanza-ingiunzione.
    Di seguito si riporta il contenuto degli articoli della predetta legge nel testo novellato.
    6.1. Articolo 10: limite minimo.

    Ai sensi dell'articolo 96 del D.lgs. n. 507/1999, nel primo comma dell'articolo 10 della legge n. 689/1981, le parole "non inferiore a lire quattromila" sono sostituite da "non inferiore a lire dodicimila".
    Pertanto il nuovo testo dell'articolo 10, comma 1, risulta il seguente:
    "La sanzione amministrativa pecuniaria consiste nel pagamento di una somma non inferiore a lire dodicimila e non superiore a lire venti milioni. Le sanzioni proporzionali non hanno limite massimo."
    Un esempio di sanzione proporzionale è previsto dall'articolo 14, comma 2, del D.lgs. n. 38/2000, secondo cui è applicata una sanzione amministrativa di L. 100.000 "per lavoratore" in caso di omessa o errata comunicazione del codice fiscale dei lavoratori assunti o cessati dal servizio contestualmente all'instaurazione del rapporto di lavoro o alla sua cessazione (v. lettera D.C.R. 1.6.01).
    6.2. Articolo 16: pagamento in misura ridotta.

    Ai sensi dell'articolo 52 del D.lgs. n. 213/1998, nel primo comma dell'articolo 16 della legge n. 689/1981, le parole "o, se più favorevole, al doppio del minimo della sanzione edittale" sono sostituite da "o, se più favorevole e qualora sia stabilito il minimo della sanzione edittale, pari al doppio del relativo importo".
    Pertanto il nuovo testo dell'articolo 16, comma 1, risulta il seguente:
    "E' ammesso il pagamento di una somma in misura ridotta pari alla terza parte del massimo della sanzione prevista per la violazione commessa o, se più favorevole e qualora sia stabilito il minimo della sanzione edittale, pari al doppio del relativo importo, oltre alle spese del procedimento, entro il termine di sessanta giorni dalla contestazione immediata o, se questa non vi è stata, dalla notificazione degli estremi della violazione."
    6.3. Articolo 22: opposizione all'ordinanza-ingiunzione.

    Ai sensi dell'articolo 97 del D.lgs. n. 507/1999, l'articolo 22 della legge n. 689/1981 è così modificato:
    a) nel primo comma, le parole "davanti al pretore del luogo in cui è stata commessa la violazione" sono sostituite dalle seguenti: "davanti al giudice del luogo in cui è stata commessa la violazione individuato a norma dell'articolo 22-bis ";
    b) nel quarto e nel settimo comma, la parola "pretore" è sostituita dalla parola "giudice".
    6.4. Articolo 22-bis : competenza per il giudizio di opposizione.

    Ai sensi dell'articolo 98 del D.lgs. n. 507/1999, dopo l'articolo 22 della legge n. 689/1981 è inserito il seguente:
    "Articolo 22-bis (Competenza per il giudizio di opposizione) - Salvo quanto previsto dai commi seguenti, l'opposizione di cui all'articolo 22 si propone davanti al giudice di pace.

    L'opposizione si propone davanti al tribunale quando la sanzione è stata applicata per una violazione concernente disposizioni in materia:

    a) di tutela del lavoro, di igiene sui luoghi di lavoro e di prevenzione degli infortuni sul lavoro;

    b) di previdenza e assistenza obbligatoria;

    (omissis)

    Restano salve le competenze stabilite da diverse disposizioni di legge."

    6.5. Articolo 23: giudizio di opposizione.

    Ai sensi dell'articolo 99 del D.lgs. n. 507/1999, l'articolo 23 della legge n. 689/1981 è così modificato:
    a) la parola "pretore" è sostituita, ovunque compaia, dalla parola "giudice";
    b) il terzo comma è sostituito dal seguente:
    "Tra il giorno della notificazione e l'udienza di comparizione devono intercorrere i termini previsti dall'articolo 163-bis del codice di procedura civile."
    ;
    c) nell'undicesimo comma è aggiunto, in fine, il seguente periodo: "Nel giudizio di opposizione davanti al giudice di pace non si applica l'articolo 113, secondo comma, del codice di procedura civile."
  7. EVASIONE MENSILE DI CUI ALL'ARTICOLO 37 DELLA LEGGE N. 689/1981: nuova disciplina.
    L'articolo 116, comma 19, della legge n. 388/2000 ha sostituito l'articolo 37 della legge n. 689/1981 e, pertanto, si riporta il vigente testo di quest'ultimo con l'evidenza in "grassetto" dei nuovi periodi:
    "Articolo 37 (Omissione o falsità di registrazione o denuncia obbligatoria) -
  1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, il datore di lavoro che, al fine di non versare in tutto o in parte contributi e premi previsti dalle leggi sulla previdenza e assistenza obbligatorie, omette una o più registrazioni o denunce obbligatorie, ovvero esegue una o più denunce obbligatorie in tutto o in parte non conformi al vero, è punito con la reclusione fino a due anni quando dal fatto deriva l'omesso versamento di contributi e premi previsti dalle leggi sulla previdenza e assistenza obbligatorie per un importo mensile non inferiore al maggiore importo fra cinque milioni mensili e il cinquanta per cento dei contributi complessivamente dovuti.
  2. Fermo restando l'obbligo dell'organo di vigilanza di riferire al pubblico ministero la notizia di reato, qualora l'evasione accertata formi oggetto di ricorso amministrativo o giudiziario, il procedimento penale è sospeso dal momento dell'iscrizione della notizia di reato nel registro di cui all'articolo 335 del codice di procedura penale fino al momento della decisione dell'organo amministrativo o giudiziario di primo grado.
  3. La regolarizzazione dell'inadempienza accertata, anche attraverso dilazione, estingue il reato.

  4. Entro novanta giorni l'ente impositore è tenuto a dare comunicazione all'autorità giudiziaria dell'avvenuta regolarizzazione o dell'esito del ricorso amministrativo o giudiziario."
    Come disposto dal previgente articolo 37, il comportamento in esame realizza una evasione mensile accertata d'ufficio ed, in particolare, un mancato pagamento del premio comunque connesso a denunce obbligatorie non presentate o non conformi al vero.
    Tuttavia, mentre la precedente formulazione della norma si riferiva ad una evasione mensile non inferiore a 5 milioni, la nuova deve intendersi riferita ad una evasione mensile:

    • superiore a 5 milioni di lire;
    • e superiore alla metà del premio complessivo dovuto.

    In tal senso si è pure espresso il Ministero del lavoro e della previdenza sociale con la menzionata circolare n. 12/2001 (v. paragrafo 5.1).
    Con la stessa circolare, infine, è stato chiarito che, per il principio del "favor rei", la nuova disciplina è retroattiva e, dunque, applicabile anche alle violazioni commesse prima del 2001.

* * *

Al rilascio della nuova procedura informatica, la presente verrà integrata da tabelle con esempi di calcolo delle sanzioni civili in relazione alla tipologia e durata delle inadempienze.

IL DIRETTORE GENERALE
Dr. Alberigo RICCIOTTI

Ultimo aggiornamento: 14/05/2013


© 2018 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004

Finanziamento del PON Governance 2014-2020 per la qualificazione dell'Inail come Polo Strategico Nazionale (PSN)