INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Bettoni: “Doveroso insistere sulla necessità di abbattere l’intollerabile numero di incidenti sul lavoro e malattie professionali”

Per il presidente dell’Inail, la Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro “è l’occasione per riaffermare l’esigenza di pianificare efficaci e mirate strategie di prevenzione”

ROMA - “La diffusione dei dati avvenuta oggi, in occasione della Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro – dichiara il presidente dell’Inail, Franco Bettoni – offre l’opportunità di riaffermare la necessità di pianificare efficaci e mirate strategie di prevenzione per abbattere l’intollerabile numero di incidenti sul lavoro e malattie professionali”.

Nei primi tre mesi del 2023 sono già pervenute all’Inail 196 denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale, facendo registrare un incremento del 3,7% rispetto allo stesso periodo del 2022. “Un andamento drammatico che va contrastato con ogni mezzo. È dunque indispensabile insistere per consolidare ulteriormente la sinergia tra istituzioni, parti sociali, lavoratrici, lavoratori e imprese, sollecitando un confronto costante con l’obiettivo di diffondere la cultura della prevenzione per la crescita sociale ed economica del Paese”.

Per il presidente dell’Inail, “la cultura della sicurezza è un bene che non deve essere coltivato e alimentato esclusivamente all’interno del perimetro aziendale, ma in ogni ambito di vita. È così che la cultura della sicurezza tende a identificarsi con la cultura del rispetto. Rispetto di sé stessi, degli altri, delle regole, dei doveri, delle responsabilità, dell’ambiente. Per un mondo del lavoro più sicuro e dignitoso, l’attività formativa deve ricoprire - a partire dal mondo della scuola - un ruolo centrale ed essere considerata oltre che obbligo giuridico, un processo educativo e una misura generale di tutela”.

“In questa Giornata – ha aggiunto Bettoni – voglio esprimere vicinanza a tutte le famiglie delle vittime del lavoro e ribadire che un Paese avanzato come l’Italia non può più tollerare tragedie quotidiane legate alla mancanza di sicurezza sui posti di lavoro. La drammatica vicenda di Barbara Capovani richiama ancora una volta l’attenzione sul fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, su cui l’Inail è fortemente impegnato. Al riguardo, rammento che nel triennio 2019-2021 sono stati denunciati e riconosciuti 4.821 infortuni legati ad episodi di violenza, il 29% dei casi riguarda uomini e il 71% donne. Va specificato che si tratta di dati non esaustivi, dal momento che alcune tipologie contrattuali presenti anche in sanità escludono la protezione assicurativa sociale, sia pure a parità di esposizione al rischio”.

“Si evidenzia in tal modo – conclude il presidente dell’Istituto – l’esigenza non più rinviabile del superamento dei limiti dell’attuale sistema disegnato dal Testo Unico del 1965, ormai inadeguato rispetto al dovere, innanzitutto etico, di garantire uniformità e universalità di tutela”.

Ultimo aggiornamento: 28/04/2023


© 2022 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004

Finanziamento del PON Governance 2014-2020 per la qualificazione dell'Inail come Polo Strategico Nazionale (PSN)
Impostazioni cookie