INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Statistiche europee

I dati Eurostat sui casi di infortunio sul lavoro
Le statistiche riportate in questa sezione informativa sono state rilevate da pubblicazioni Eurostat (Ufficio centrale di statistica dell'Unione Europea). I dati comprendono tutti i casi di infortunio che abbiano provocato un'assenza dal lavoro superiore a tre giorni di calendario.
Sono inclusi, altresì, quelli causati da avvelenamenti acuti, da atti volontari di altre persone, quelli occorsi in luogo pubblico o in un mezzo di trasporto utilizzato nel corso del lavoro, quelli avvenuti nella sede di un'altra impresa.
Sono esclusi:
• gli infortuni in itinere
• gli infortuni che determinano lesioni intenzionalmente auto-procurate
• gli infortuni e malattie professionali dovuti esclusivamente a cause mediche (infarto cardiaco, ictus).

Il tasso standardizzato di incidenza infortunistica
Gli infortuni sul lavoro sono misurati oltre che dal numero assoluto degli infortuni stessi anche da un importante indicatore, il tasso standardizzato di incidenza infortunistica, che rappresenta il numero di incidenti sul lavoro occorsi durante l'anno per 100.000 occupati, corretto per tener conto dell'influenza delle differenti strutture economiche degli Stati membri.
Per correggere tale distorsione viene calcolato, appunto, un numero "standardizzato" di infortuni sul lavoro per 100.000 occupati, per Stato membro, assegnando a ogni settore la stessa ponderazione a livello nazionale di quella totale dell'Unione Europea.
La popolazione di riferimento, persone occupate di età superiore a 15 anni, viene ricavata dai dati dell'indagine sulle forze di lavoro della Comunità (Ifl).
I tassi sono calcolati per tutti gli Stati membri della Ue considerando:
• per i dati fino all'anno 2007, le cosiddette "9 sezioni comuni" (Nace Rev.1), che comprendono:

- A - Agricoltura
- D - Industria Manifatturiera
- E - Elettricità, Gas e Acqua
- F - Costruzioni
- G - Commercio e Riparazioni
- H - Alberghi e Ristoranti
- I - Trasporti, Magazzinaggio e Comunicazioni
- J e K - Intermediazione Finanziaria e Attività Immobiliari.

• per i dati a partire dall'anno 2008, le cosiddette "13 sezioni comuni" (Nace Rev.2), che comprendono:
- A - Agricoltura, silvicoltura e pesca
- C - Industria Manifatturiera
- D - Fornitura di energia elettrica, gas, vapore
- E - Fornitura di acqua, reti fognarie, att. gestione rifiuti
- F - Costruzioni
- G - Commercio all'ingrosso e al dettaglio
- I - Attività di servizi di alloggio e ristorazione
- H - Trasporto e Magazzinaggio
- J - Servizi di informazione e comunicazione
- K - Attività finanziarie e assicurative
- L - Attività Immobiliari
- M - Attività Professionali, scientifiche e tecniche
- N - Attività di servizi di supporto alle imprese
 
Per quanto riguarda gli infortuni mortali, nel calcolo dei tassi standardizzati riferiti agli Stati membri vengono esclusi anche gli incidenti stradali e a bordo di qualsiasi mezzo di trasporto (settore “I” per i dati fino al 2007, settore “H” per quelli dal 2008), allo scopo di fornire tassi di incidenza comparabili, in quanto in alcuni Stati membri essi non vengono registrati come infortuni sul lavoro.

Gli infortuni sul lavoro nella definizione Eurostat
I criteri di rilevazione adottati da Eurostat considerano infortuni sul lavoro quelli con "assenze dal lavoro di almeno 4 giorni" ed esclusi quelli in itinere. Eurostat stesso fa presente tuttavia che le statistiche espresse in valori assoluti presentano ancora oggi gravi carenze dal punto di vista della completezza dei dati, per una serie di motivi fondamentali:
  1. alcuni Paesi membri (Danimarca, Irlanda, Paesi Bassi, Regno Unito e Svezia), non disponendo di un sistema assicurativo specifico, non sono in grado di fornire dati completi ma presentano "livelli di sottodichiarazione compresi tra il 30% e il 50% del totale";
  2. alcuni Paesi membri (in particolare anglosassoni) non rilevano gli infortuni stradali avvenuti nell'esercizio dell'attività lavorativa, in quanto rientranti nella tutela non dei rischi da lavoro ma dei rischi da circolazione stradale.
  3. in molti Paesi membri i lavoratori autonomi (una categoria quasi ovunque molto consistente) e relativi coadiuvanti non sono coperti dai sistemi di dichiarazione nazionali e quindi esclusi dalle rispettive statistiche, o totalmente (Belgio, Grecia, Francia, Irlanda, Paesi Bassi, Portogallo, Irlanda) o parzialmente (Germania, Spagna, Austria, Finlandia). In Italia, come è noto, tale categoria è normalmente coperta.
  4. in alcuni Paesi membri diversi importanti settori economici non vengono considerati nelle statistiche; in particolare, parti del settore pubblico (amministrazione pubblica), dell'Estrazione di minerali e parti del settore Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni non sono coperti o sono coperti solo in parte.
  5. disomogeneità nelle procedure di registrazione dei casi mortali: per esempio, in Germania vengono presi in considerazione solo i decessi avvenuti entro 30 giorni.
Per questi motivi Eurostat invita ad utilizzare i dati assoluti, che vengono riportati nelle tabelle Ue così come comunicati dai singoli Paesi, soltanto a livello globale e a fini indicativi, tenendo conto dei limiti e delle carenze sopra indicati. Per i raffronti tra i vari Paesi, invece, Eurostat ha più volte espresso la raccomandazione (non sempre ascoltata nel nostro Paese) di utilizzare esclusivamente i "tassi standardizzati di incidenza infortunistica" elaborati dai tecnici Eurostat intervenendo sui dati assoluti con procedimenti statistici appropriati sia per finalità tecniche di armonizzazione delle diverse strutture produttive nazionali, sia per rapportarli alla corrispondente forza lavoro e sia per apportare quei correttivi di integrazione dei dati necessari per renderli più coerenti, omogenei e confrontabili.

Le statistiche UE sono aggiornate sulla base dell'ultimo anno reso disponibile da Eurostat. A livello europeo i tempi di elaborazione dell'Ufficio Centrale, inevitabilmente, si sommano a quelli, non sempre omogenei, dei singoli Stati membri e creano ancora un certo differimento nella pubblicazione delle informazioni.
In alcune tavole, per motivi di completezza dell'informazione, Eurostat include anche i valori relativi a Paesi che non risultano membri dell'Ue.
Nel 2008 il Regolamento di attuazione della Commissione europea ha previsto, inoltre, l'introduzione della nuova classificazione delle attività economiche Nace Rev.2 che ha determinato inevitabilmente una "rottura" con la serie dei dati infortunistici degli anni precedenti.
Le "Statistiche europee" risultano, pertanto, così articolate:
• sezione A: dati infortunistici fino all'anno 2007 (Nace Rev.1)
• sezione B: dati infortunistici dal 2008 in poi (Nace Rev.2)
Per quest’ultima sezione, i dati relativi agli infortuni espressi in valore assoluto e ai tassi standardizzati di incidenza infortunistica sono disponibili (seppur provvisori) fino al 2011.
Infine, le tavole contenenti i dati in valore assoluto fanno riferimento a tutte le "21 sezioni comuni" (Nace Rev.2),