INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Circolare INAIL n. 12 del 05 febbraio 1991

Autoliquidazione del premio assicurativo.

Organo: INAIL
Documento: Circolare n. 12 del 5 febbraio 1991
Oggetto: Autoliquidazione del premio assicurativo.

Nell'ambito del rinnovamento dell'Ente e del nuovo rapporto che esso intende realizzare con l'utenza, si colloca la nuova procedura di "autoliquidazione del premio" che tende a conferire più efficienza ed efficacia all'azione dell'Istituto attraverso la modifica in senso fiduciario del sistema di riscossione dei premi.

La possibilità di realizzare sulla materia una nuova disciplina deriva dal disposto dell'articolo 10 della legge n. 48/1988 (delegificazione) richiamato dall'articolo 5, comma 1, lettera g) della legge n. 88/198 (Ristrutturazione dell'INPS e dell'INAIL).

Avvalendosi dell'autonomia gestionale ed organizzativa riconosciuta dalle citate leggi, il Consiglio di amministrazione dell'Istituto con delibera n. 92 del 26 luglio 1989,approvata con Decreto ministeriale del 13 dicembre 1989 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 300 del 27 dicembre 1989, ha introdotto, a partire dal 1° gennaio 1991, l'autoliquidazione del premio da realizzare sperimentalmente nel 1990 presso le Sedi di Rovigo, Prato e Ragusa.

I risultati di detta sperimentazione ed i concreti suggerimenti degli operatori interni ed esterni all'Istituto hanno consentito, a dimostrazione della dinamicità del nuovo iter procedurale, di apportare alla delibera richiamata le modifiche ritenute necessarie per una maggiore funzionalità del sistema e per una sua concreta rispondenza alle esigenze del mondo del lavoro.

A tal fine, il Consiglio di amministrazione ha assunto il 20 giugno 1990 la delibera n. 22, approvata con Decreto ministeriale del 23 ottobre 1990 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 265 del 13 novembre 1990.

La nuova disciplina per la riscossione dei premi si fonda sugli articoli 28 e 44 del Testo Unico approvato con D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124, modificati dai citati decreti ministeriali, dei quali si trasmette il testo coordinato (All. n. 1).

Dal 1° gennaio 1991, su tutto il territorio nazionale, per la totalità delle posizioni assicurative, comprese quelle artigiane ed escluse, per il momento, quelle per le quali sono previsti premi speciali unitari secondo l'articolo 42 del Testo Unico (c.d. posizioni assicurative speciali), è in vigore la procedura di autoliquidazione del premio che di seguito si illustra.

1. Per ciascuna posizione assicurativa l'INAIL spedisce:

a) entro il 31 dicembre, con raccomandata a.r., un modulo contenente l'indicazione del tasso applicabile a decorrere dal successivo 1° gennaio (mod. 20/SM). Sullo stesso modulo sono indicati gli oneri sostenuti dall'INAIL nel triennio di osservazione e le relative motivazioni (cfr. articolo 21 delle Modalità per l'applicazione della Tariffa dei Premi di cui al Decreto ministeriale 18 giugno 1988);

b) il modulo di autoliquidazione (mod. 10/SM) composto di tre parti:

  • denuncia delle retribuzioni;
  • dati per il conteggio del premio e dei contributi associativi per la regolazione e per la rata;
  • bollettino per il pagamento;

c) la "guida al calcolo" del premio e dei contributi associativi per la regolazione e per la rata con i prospetti per il calcolo stesso.

2. Termine unificato per gli adempimenti del datore di lavoro

La scadenza unica prevista dalla nuova procedura è il 20 febbraio dell'anno cui la rata si riferisce.

Pertanto, entro la suddetta data i datori di lavoro devono:

  • denunciare le retribuzioni effettivamente erogate;
  • effettuare il pagamento del premio (regolazione relativa al periodo assicurativo precedente e rata anticipata per l'anno in corso) e dei contributi associativi. Il citato termine del 20 febbraio vale anche per il pagamento del premio speciale annuo relativo all'assicurazione obbligatoria dei medici contro le malattie e le lesioni causate dall'azione dei raggi X e dalle sostanze radioattive pur se tale forma assicurativa e, per il momento, esclusa dall'autoliquidazione.

3. Denuncia delle retribuzioni

Il datore di lavoro deve trasmettere alla Sede competente, entro il 20 febbraio (o entro il giorno 20 del secondo mese successivo a quello di cessazione dell'attività), la denuncia delle retribuzioni relative all'esercizio precedente, compilando, in tutte le sue parti, l'apposita sezione del modulo a lettura ottica, secondo le istruzioni contenute nella citata "guida al calcolo".

Si rammenta che, ai fini dell'assunzione di responsabilità in relazione ai contenuti della denuncia delle retribuzioni, il datore di lavoro è tenuto ad apporre la propria firma sul retro del relativo modulo.

4. Autoliquidazione del premio per regolazione e rata

Per ciascuna posizione assicurativa, il datore di lavoro, utilizzando gli elementi di calcolo forniti dall'Istituto, provvede direttamente all'autoliquidazione della regolazione e della rata anticipata in base alle retribuzioni effettivamente corrisposte nell'anno precedente che si considerano come presunte per l'esercizio in corso.

Per il calcolo della regolazione, il datore di lavoro deve detrarre quanto dovuto a titolo di anticipazione per il medesimo periodo.

Per le posizioni assicurative di nuova emissione, il premio relativo al primo periodo decorrente dall'inizio dell'attività (ratino) non è soggetto ad autoliquidazione ed è, pertanto, richiesto dall'Istituto.

Per le medesime posizioni di nuova emissione il premio per l'anno solare successivo al primo è soggetto, invece, ad autoliquidazione sulla base delle retribuzioni presunte indicate in denuncia di esercizio per un intero anno.

I risultati dell'autoliquidazione dei premi e dei contributi associativi vanno riportati nella sezione del modulo riservata alla denuncia delle retribuzioni che deve essere trasmessa all'Istituto.

In caso di mancata ricezione, smarrimento, o deterioramento del modulo di autoliquidazione, il datore di lavoro deve rivolgersi alla Sede competente per ottenere una copia in bianco del modulo stesso e per acquisire i dati necessari per gli adempimenti connessi all'autoliquidazione.

5. Variazione delle retribuzioni presunte

Un ulteriore elemento di notevole rilievo introdotto con la procedura di autoliquidazione, in armonia con il nuovo ruolo attribuito al datore di lavoro, è costituito dalla facoltà di inviare, entro il 31 dicembre, alla Sede territorialmente competente una motivata comunicazione di variazione delle retribuzioni presunte e non più, come per il passato, una istanza di riduzione suscettibile di accoglimento o di reiezione da parte dell'Istituto.

Il nuovo importo costituisce la base per il calcolo della rata premio per l'anno in corso in sostituzione dell'importo delle retribuzioni erogate nell'esercizio precedente, salvo i controlli che l'Istituto intenda disporre.

In sede di verifica le comunicazioni di riduzione delle retribuzioni presunte dovranno formare oggetto di attenta valutazione in particolare, relativamente alle motivazioni addotte dai datori di lavoro, al fine di evitare il pagamento di premi inferiori al dovuto.

6. Variazioni in corso di anno

Le variazioni di, rischio nonché quelle che possono comportare integrazioni della rata di premio anticipata, seguono la procedura tradizionale, nel senso che devono essere segnalate nei termini di cui all'articolo 12 del Testo Unico.

L'Istituto provvederà a richiedere le eventuali, conseguenti integrazioni di premio.

7. Compensazione e rimborso

Qualora dal calcolo della regolazione risulti un conguaglio a favore del datore di lavoro, il relativo importo può essere detratto da quello della rata dell'esercizio in corso, purché l'importo dovuto come anticipo sia stato interamente pagato.

La compensazione non può essere effettuata con titoli relativi ad anni precedenti a quello oggetto di regolazione nè con titoli non aventi natura di premio.

Un eventuale ulteriore conguaglio di premi risultante a favore del datore di lavoro, formerà oggetto di rimborso entro sessanta giorni dal 20 febbraio (o, in caso di cessazione, dal giorno 20 del secondo mese successivo a quello in cui e cessata l'attività), salvo i controlli che l'Istituto ritenga di operare.

8. Pagamento del premio e dei contributi associativi

Il versamento, entro il sopraindicato termine del 20 febbraio, dell'importo complessivamente dovuto a titolo di regolazione, rata anticipata e rispettivi contributi associativi deve avvenire utilizzando, in ogni caso, il bollettino fornito dall'Istituto con il modulo di autoliquidazione.

Per il pagamento a mezzo banca, deve essere compilato l'intero bollettino; per quello presso gli uffici postali ci si deve, invece, servire del bollettino di conto corrente dopo aver staccato la parte relativa ai versamenti a mezzo banca.

In relazione all'impossibilità d'uso del bollettino fornito dall'Istituto, si rinvia a quanto precisato al precedente punto 4, ultimo comma, per l'acquisizione di un nuovo bollettino, che avrà un diverso numero di conto corrente postale.

9. Posizioni assicurative artigiane

La procedura di autoliquidazione prevede la prestampa del premio speciale in base alla composizione del nucleo artigiano presente in archivio magnetico alla data dell'elaborazione.

Se entro il 31 dicembre uno o più soggetti sono usciti dal nucleo artigiano e tale circostanza non risulti acquisita negli archivi magnetici, è ammessa l'autoriduzione del premio.

Si rammenta che il premio non è rapportabile a giorni ed è, quindi, dovuto per tutto il mese nel quale il soggetto è stato presente, anche se per un solo giorno.

Non è invece consentita la modifica del premio prestampato in caso di subentro di altri soggetti, per i quali deve essere presentata specifica denuncia di variazione ai sensi dell'articolo 12 del Testo Unico.

Analogamente non è consentita la modifica del premio prestampato per tutte le variazioni in aumento già trasmesse all'Istituto, in termini e non, che non trovino riscontro nel modulo di autoliquidazione inviato al datore di lavoro.

10. Cessazioni

In caso di cessazione dell'attività assicurata nel corso dell'anno, sia la denuncia delle retribuzioni che l'autoliquidazione del premio per regolazione ed il relativo pagamento devono essere effettuati entro il giorno 20 del secondo mese successivo a quello di cessazione dell'attività assicurata.

A tale data l'Istituto farà, in ogni caso, riferimento per il calcolo delle eventuali somme aggiuntive dovute sia per il ritardo nel pagamento sia per la tardiva o mancata denuncia delle retribuzioni.

Si rammenta che, in nessun caso, il modulo di autoliquidazione può essere utilizzato per denunciare la cessazione dell'attività o altre variazioni intervenute nel rapporto assicurativo.

Tali comunicazioni, pertanto, devono essere separatamente effettuate secondo il disposto dell'articolo 12 del Testo Unico.

11. Contratti di formazione e lavoro

Le retribuzioni dei dipendenti assunti con contratto di formazione e lavoro da imprese non artigiane e da quelle non ubicate nei territori di cui al D.P.R. n. 218/1978 sono assoggettate ad un tasso di premio ridotto del 50% secondo quanto disposto dalla legge n. 291/1988.

Peraltro, in relazione ai contratti sopra indicati, sono di recente intervenuti la legge n. 407/1990 ed il decreto legge n. 29/1991.

In attesa di un assestamento dell'intera normativa e con riserva di ulteriori istruzioni sull'argomento, si dispone che i datori di lavoro si attengano, per l'autoliquidazione, alle modalità previste dalla ripetuta "guida al calcolo".

12. Mancata denuncia delle retribuzioni

In caso di mancato invio della denuncia delle retribuzioni entro il termine del 20 febbraio, l'Istituto può procedere direttamente all'accertamento delle retribuzioni addebitando al datore di lavoro le spese sostenute per l'accertamento stesso ovvero può effettuare la liquidazione del premio dovuto, sia per la regolazione sia per la rata anticipata, in base al doppio delle retribuzioni presunte dell'ultimo periodo assicurativo.

La regolazione e la rata anticipata, in tal modo calcolate, avranno come data di scadenza il citato termine unificato del 20 febbraio dal quale, pertanto, decorreranno le somme aggiuntive previste dalla legge n. 48/1988.

In caso di cessazione dell'attività nel corso dell'anno e di mancata denuncia delle retribuzioni entro il giorno 20 del secondo mese successivo alla cessazione stessa, la liquidazione del premio dovuto a titolo di regolazione, calcolato in base al doppio delle retribuzioni presunte, sarà proporzionata ai mesi di attività e avrà come data di scadenza della richiesta il citato giorno 20 del secondo mese successivo alla cessazione.

13. Contributi associativi

La procedura di autoliquidazione consente alle associazioni di categoria ed alle organizzazioni imprenditoriali di riscoprire lo specifico ruolo di rappresentanza di interessi e di consulenza operativa, valorizzando i rapporti con i propri associati.

La nuova procedura riguarda, infatti, anche i contributi associativi che vengono riscossi dall'Istituto per conto delle suddette associazioni ed organizzazioni.

A tal fine, unitamente agli elementi di calcolo del premio, sono fornite ai datori di lavoro, sul modulo di autoliquidazione, le quote fisse e/o le aliquote percentuali per il pagamento di tali contributi.

Peraltro, nella fase di avvio della procedura, è stata consentita alle associazioni che ne hanno fatto richiesta entro il 31 agosto 1990 una deroga consistente nella prestampa dei contributi associativi calcolati dall'Istituto sulla base delle situazioni di archivio rilevate al momento dell'elaborazione.

In particolare si precisa che:

  • per i contributi associativi relativi alle retribuzioni erogate al personale dipendente l'importo è calcolato percentualmente sui salari risultanti in archivio, riferiti al secondo anno precedente quello per il quale viene pagato il premio anticipato (es. per la rata 1991 si fa riferimento alle retribuzioni presenti in archivio per il 1989);
  • per i contributi associativi relativi agli artigiani l'importo, derivante da quote fisse e/o da aliquote percentuali, è calcolato tenendo conto del numero dei soggetti e delle retribuzioni convenzionali presenti in archivio alla data dell'elaborazione.

14. Verifiche

Al ricevimento della dichiarazione delle retribuzioni, l'INAIL elabora la regolazione e la rata, confrontandole con quanto pagato dal datore di lavoro.

Nel caso in cui l'importo versato risulti inferiore al dovuto, accertato che per ciò non sussistano validi motivi (comunicazione di riduzione delle retribuzioni presunte, istanza di rateazione, ricorso alla Commissione delle tariffe), l'Istituto effettua una richiesta per la differenza dovuta ed applica su tale importo le sanzioni previste dalla legge n. 48/1988, a decorrere dal 20 febbraio.

15. Numerazione delle posizioni assicurative

A partire dal 1991 è introdotta la numerazione unica nazionale delle posizioni assicurative.

Pertanto, a tutte le posizioni assicurative acquisite con la precedente procedura meccanografica è stato cambiato il numero di protocollo ed il relativo codice di controllo.

Il nuovo numero, al quale d'ora in poi si dovrà fare riferimento, è stato stampato anche sul modulo di autoliquidazione.

Si ritiene utile precisare che, per le posizioni assicurative in corso, il numero precedentemente attribuito è contenuto nel nuovo numero di protocollo.

Con l'occasione si raccomanda di riportare detto numero sui libri paga e matricola, in sostituzione del precedente, ogni volta che si abbia occasione di accedere ai libri stessi, qualora i datori di lavoro interessati non vi avessero già provveduto secondo le avvertenze riportate nella più volte citata "guida al calcolo".

Le Direzioni regionali, interregionali, provinciale di Bolzano e la Sede regionale di Aosta, nell'ambito delle specifiche funzioni loro assegnate, dovranno segnalare direttamente al Servizio rischi eventuali difficoltà nell'applicazione della nuova procedura.

Infine si fa presente che, in considerazione delle caratteristiche tecniche di stampa, il "flusso logico organizzativo procedurale" della nuova disciplina e l'illustrazione delle relative fasi procedurali saranno forniti, con separata nota, a cura del Servizio organizzazione.

Allegato n. 1 alla circ. n. 12/73 T.U./1991

Gli articoli 28 e 44 del decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n.1124, sono modificati come segue:

ARTICOLO 28

  1. "I premi o contributi di assicurazione debbono essere versati dai datori di lavoro all'Istituto assicuratore anticipatamente con le modalità e nei termini di cui agli articoli 44 e seguenti, per la durata di un anno solare o per la minor durata dei lavori, sulla base dell'importo delle retribuzioni che si presume saranno corrisposte dal datore di lavoro durante l'anno o durante il periodo di tempo al quale si riferiscono i premi o contributi medesimi.
  2. La determinazione del premio anticipato è effettuata come segue:
    a) per il primo pagamento del premio afferente al periodo assicurativo decorrente dall'inizio dell'attività al 31 dicembre, e per il pagamento del premio del primo anno solare successivo, in base alle retribuzioni presunte dichiarate nella denuncia di esercizio;
    b) per il pagamento delle rate di premio degli anni solari successivi al primo anno solare intero, in base alle retribuzioni effettivamente corrisposte nell'anno precedente, che si considerano come presunte.
  3. Il datore di lavoro provvede direttamente al calcolo delle rate di premio anticipato relative agli anni solari sulla base delle retribuzioni presunte. Entro il 31 dicembre l'Istituto assicuratore comunica al datore di lavoro gli altri elementi necessari per il calcolo.
  4. Il datore di lavoro deve comunicare all'Istituto assicuratore, entro il termine del 20 febbraio previsto per il pagamento della rata premio anticipata e della regolazione premio relativa al periodo assicurativo precedente, l'ammontare delle retribuzioni effettivamente corrisposte durante detto ultimo periodo, salvo i controlli che l'Istituto creda di disporre. In caso di cessazione dell'attività assicurata nel corso dell'anno, la citata comunicazione dovrà essere effettuata entro il giorno 20 del secondo mese successivo alla cessazione stessa contestualmente all'autoliquidazione del premio.
  5. La regolazione del premio alla scadenza del periodo assicurativo è calcolata dal datore di lavoro in base alle retribuzioni effettivamente corrisposte durante l'anno e versata con le modalità e nei termini di cui all'articolo 44.
  6. Il datore di lavoro, se per il periodo di tempo per il quale deve essere anticipato il premio presume di erogare retribuzioni inferiori a quelle effettivamente corrisposte nell'anno precedente, potrà calcolare la rata premio sul minore importo delle retribuzioni stesse dandone comunicazione motivata all'Istituto assicuratore entro il 31 dicembre, salvo i controlli che l'Istituto assicuratore medesimo intende disporre.
  7. Se durante il periodo di tempo per il quale è stato anticipato il premio o contributo l'Istituto assicuratore accerta che l'ammontare delle retribuzioni corrisposte supera quello delle retribuzioni presunte in base al quale fu anticipato il premio o contributo, l'Istituto assicuratore medesimo può richiedere il versamento di un'ulteriore quota di premio o contributo.
  8. In caso di mancato invio della dichiarazione delle retribuzioni entro i termini di cui al comma 4, l'Istituto assicuratore può o procedere direttamente all'accertamento delle retribuzioni, addebitando al datore di lavoro le spese sostenute per l'accertamento stesso, o effettuare la liquidazione del premio dovuto, sia per la regolazione sia per la rata anticipata, in base al doppio delle retribuzioni presunte dell'ultimo periodo assicurativo. Restano impregiudicati i diritti dell'Istituto assicuratore sia per il premio sia per le sanzioni civili, anche nel caso che da successivi accertamenti risultasse dovuto un premio superiore a quello già richiesto o riscosso".

ARTICOLO 44

  1. "Il primo pagamento del premio di assicurazione deve essere effettuato in via anticipata entro la data di inizio dei lavori.
  2. Il pagamento della rata di premio per gli anni solari successivi deve essere effettuato dal datore di lavoro entro il 20 febbraio dell'anno cui la rata si riferisce; contestualmente il datore di lavoro deve effettuare il pagamento della regolazione del premio relativo al periodo assicurativo precedente.
  3. Ove risulti un conguaglio a favore del datore di lavoro, questi lo può detrarre dalla rata anzidetta; sono escluse detrazioni per titoli diversi e per titoli relativi ad anni precedenti a quello cui si riferisce la regolazione. Ove risulti un ulteriore conguaglio di premi a favore del datore di lavoro, l'Istituto effettua il rimborso entro 60 giorni dalla comunicazione di cui al comma 4 dell'articolo 28, salvo i controlli che l'Istituto medesimo intenda disporre.
  4. Entro il giorno 20 del mese successivo a quello di comunicazione fatta dall'Istituto assicuratore, debbono essere pagate dal datore di lavoro le quote residue di premio risultanti da rettifiche dei conteggi, nonché le differenze supplementari determinate da variazioni di rischio, da variazioni o rettifiche delle retribuzioni, da accertamenti ispettivi, e quant'altro dovuto all'Istituto.
  5. L'Istituto assicuratore non è tenuto a rammentare al datore di lavoro le date delle singole scadenze".

Ultimo aggiornamento: 05/06/2013


© 2022 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004

Finanziamento del PON Governance 2014-2020 per la qualificazione dell'Inail come Polo Strategico Nazionale (PSN)
Impostazioni cookie