INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

13/05/2020

Mesotelioma non professionale, oltre quattromila euro in più per l’indennizzo una tantum ai malati e ai loro eredi

Con la circolare n. 20 del 13 maggio 2020 l’Inail fornisce le istruzioni per ottenere la prestazione del Fondo per le vittime dell’amianto da parte dei malati non professionali o loro eredi, che per il 2020 è stata incrementata da 5.600 a 10mila euro. Chi ne ha beneficiato tra il 2015 e il 2019 può richiedere l’integrazione. Come disposto dal decreto Cura Italia, scadenze e adempimenti sono sospesi fino al primo giugno

Mesotelioma non professionale
ROMA - La legge n. 8 dello scorso 28 febbraio ha aumentato da 5.600 a 10mila euro la prestazione assistenziale una tantum del Fondo per le vittime dell’amianto in favore dei malati di mesotelioma non professionale che hanno contratto tale patologia nel periodo 2015-2020, o dei loro eredi. Chi ne ha già beneficiato nel periodo compreso tra il 2015 e il 2019, inoltre, può richiedere l’integrazione di 4.400 euro. Lo chiarisce la circolare Inail n. 20 del 13 maggio 2020, nella quale l’Istituto indica anche modalità e scadenze per presentare l’istanza, tenuto conto della sospensione dei termini legata all’emergenza Coronavirus. Il decreto legge Cura Italia dello scorso 17 marzo, infatti, ha sospeso il decorso dei termini di decadenza relativi alle richieste di prestazioni erogate dall’Istituto dal 23 febbraio fino al primo giugno 2020.

Modalità di presentazione delle istanze da parte dei malati. I malati, per richiedere la prestazione, devono inviare il modulo 190, tramite raccomandata A/R o posta elettronica certificata (Pec), alla sede territoriale Inail competente per domicilio entro 120 giorni (termine ordinatorio) dalla data di accertamento della patologia, insieme alla documentazione sanitaria che attesta che il soggetto è affetto da mesotelioma, con l’indicazione dell’epoca della prima diagnosi.

Modalità di presentazione delle istanze da parte degli eredi. Gli eredi, invece, devono presentare l’istanza, a pena di decadenza, entro 120 giorni a partire dalla data di entrata in vigore della legge (1° marzo 2020), utilizzando il modulo 190/E. Per i decessi avvenuti dopo tale data, le domande devono essere presentate entro 120 giorni dalla data della morte. Tuttavia, per effetto della   sospensione dei termini di decadenza disposta dal decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020, n. 27 (decreto Cura Italia), detti  termini sono da intendersi sospesi fino al 1° giugno. Conseguentemente, il termine ultimo di scadenza per la presentazione delle istanze di accesso alle prestazioni da parte degli eredi, per i decessi avvenuti entro il 1° giugno, è il 29 settembre 2020, mentre per i decessi intervenuti dopo tale data, il termine di presentazione dell’istanza da parte degli eredi rimane quello dei 120 giorni dalla data della morte.

Come richiedere l’integrazione. I malati di mesotelioma non professionale o i loro eredi che hanno beneficiato della prestazione di 5.600 euro tra il 2015 e il 2019, hanno 120 giorni di tempo, a partire dalla data di entrata in vigore della legge (1° marzo 2020), a pena di decadenza, per richiedere l’integrazione, utilizzando il modulo 190/I. Lo stesso termine si applica anche alle istanze di integrazione relative a prestazioni ottenute nel periodo successivo al 31 dicembre 2019. Tuttavia, anche per le richieste di integrazione, per effetto della sospensione dei termini di decadenza disposta dal decreto-legge Cura Italia, detti termini sono da intendersi sospesi fino al 1° giugno ed il termine ultimo di scadenza è il 29 settembre 2020.

Disposizioni transitorie per le istanze in corso di istruttoria. Le istanze di accesso alla prestazione in corso di istruttoria alla data di emanazione della presente circolare sono considerate valide ai fini della erogazione del nuovo importo pari a 10.000 euro della prestazione una tantum a favore dei malati di mesotelioma non professionale o dei loro eredi, mentre eventuali istanze prodotte successivamente alla data di emanazione della presente circolare, devono essere regolarizzate, sempre entro i predetti termini decadenziali.

L’esposizione può essere familiare o ambientale. Hanno diritto alla prestazione economica, indipendentemente dalla loro cittadinanza, tutte le persone affette da mesotelioma contratto nel nostro Paese per esposizione familiare o ambientale e i loro eredi. L’esposizione familiare, in particolare, è comprovata se il malato di mesotelioma ha convissuto in Italia in un periodo in cui un familiare era impiegato in una lavorazione che lo esponeva all’amianto. L’esposizione ambientale, invece, è comprovata in caso di residenza sul territorio nazionale in periodi compatibili con l’insorgenza della patologia.

Ai fini del riconoscimento la latenza deve essere di almeno 10 anni. I periodi di esposizione devono essere compatibili con l’insorgenza della malattia, che può avere una latenza molto lunga. Sulla base delle evidenze della letteratura scientifica, ai fini del riconoscimento del beneficio è considerata utile una latenza di almeno 10 anni dall’inizio dell’esposizione all’amianto. Se la documentazione amministrativa e sanitaria allegata all’istanza risulta completa, l’Inail erogherà entro 90 giorni, in un’unica soluzione, la prestazione per il 2020 o l’integrazione per il periodo 2015-2019.
 

© 2018 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004

Finanziamento del PON Governance 2014-2020 per la qualificazione dell'Inail come Polo Strategico Nazionale (PSN)