INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

08/05/2024

“Imprese per la sicurezza”, premiate le aziende vincitrici dell’ottava edizione

Il premio di Confindustria e Inail, organizzato con la collaborazione tecnica di Apqi e Accredia, dà risalto ai progetti più virtuosi che possono rappresentare modelli di riferimento per tutto il sistema produttivo. La consegna dei riconoscimenti è avvenuta questa mattina a Roma nel corso di un evento ospitato presso la sede dell’Istituto di via Quattro Novembre, a cui hanno partecipato anche il presidente e la vicepresidente della Commissione Lavoro della Camera, Walter Rizzetto e Chiara Gribaudo

“Imprese per la sicurezza”, premiate le aziende vincitrici dell’ottava edizione
ROMA - Il Parlamentino Inail di via Quattro Novembre questa mattina a Roma ha fatto da cornice alla cerimonia di premiazione dell’ottava edizione del premio “Imprese per la sicurezza”, organizzato dall’Istituto e da Confindustria, con la collaborazione tecnica dell’Associazione premio qualità Italia (Apqi) e di Accredia, ente italiano di accreditamento, per diffondere cultura di impresa per il miglioramento continuo dei livelli di tutela della salute e sicurezza sul lavoro. L’iniziativa valorizza l’impegno concreto per la sicurezza sul lavoro, dando risalto ai migliori risultati aziendali che possono rappresentare modelli di riferimento per il continuo miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza in tutto il sistema produttivo.

D’Ascenzo: “Vogliamo incentivare sempre di più i sistemi premiali”. Come sottolineato dal presidente dell’Inail, Fabrizio D’Ascenzo, intervenuto in apertura con Maurizio Marchesini, vicepresidente di Confindustria per le filiere e le medie imprese, e Massimo De Felice, presidente di Accredia, “il premio che ormai da otto edizioni promuoviamo con Confindustria costituisce una preziosa occasione per stimolare il corretto approccio ai temi della salute e sicurezza sul lavoro, confermando l’efficacia di una strategia basata sulla convinzione che l’investimento in prevenzione risulta proficuo in termini di competitività, sostenibilità e benessere di lavoratrici e lavoratori. L’Istituto intende sempre di più incentivare i sistemi premiali verso le aziende che dimostrano un impegno concreto nel miglioramento della sicurezza sul lavoro e offrire così un significativo contributo al processo di diffusione della cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro, coinvolgendo il sistema produttivo italiano”.

Rizzetto: “La prevenzione parte dalla scuola”. All’evento sono intervenuti anche il presidente e la vicepresidente della Commissione Lavoro della Camera, Walter Rizzetto e Chiara Gribaudo. Rizzetto si è soffermato, in particolare, sulle “conseguenze devastanti, in termini sociali ma soprattutto nella sfera personale e familiare, degli infortuni sul lavoro” e ricordando Lorenzo Parelli, lo studente di 18 anni che due anni fa ha perso la vita nell’ultimo giorno di alternanza scuola-lavoro in un’azienda della provincia di Udine, si è detto “convinto che, rispetto al tema della salute e sicurezza sul lavoro, molto parta dalla formazione. Nel nostro Paese, infatti, regole e sanzioni ci sono, ma dobbiamo migliorare rispetto alla prevenzione e alla formazione sugli elementi alla base della sicurezza. È questo il senso della proposta di legge che abbiamo presentato per introdurre l’insegnamento dei fondamenti del diritto del lavoro e della cultura della sicurezza sul lavoro in tutte le scuole di ogni ordine e grado”.

Gribaudo: “Giusto valorizzare le iniziative positive”. Per Chiara Gribaudo la formazione dei lavoratori del futuro deve essere accompagnata anche da interventi formativi urgenti per i lavoratori del presente, “mettendo a disposizione delle aziende gli strumenti necessari per formare adeguatamente i propri addetti, tenendo conto per esempio della composizione della forza lavoro che in alcuni comparti è straniera per oltre il 50%, rendendo la lingua la prima barriera rispetto alla sicurezza. Gli investimenti in prevenzione devono essere percepiti come un investimento, aumentando la qualità del lavoro rispetto alle grandi trasformazioni che stiamo vivendo e valorizzando, come fa il premio di Inail e Confindustria, le iniziative positive che vengono realizzate dalle imprese. Occorre inoltre rafforzare i controlli, perché rispetto alla filiera ispettiva non siamo assolutamente in linea con le aspettative europee”.

L’Award a Diasen Srl, Siot Spa e Maersk H2S Safety Services Italia Srl. Il premio, rivolto a tutte le aziende, anche non aderenti al sistema Confindustria, è stato assegnato a categorie di imprese distinte per tipologia di rischio e per dimensione, a seguito di un lungo iter di valutazione che ha previsto anche visite in azienda. Dopo aver elaborato una lista delle migliori aziende, a seguito della compilazione di questionari e di visite nelle imprese, il Comitato tecnico scientifico, costituito da esperti di Confindustria, Inail, Apqi e Accredia, ha individuato le finaliste tra le quali il Comitato di premiazione, composto da rappresentanti del mondo imprenditoriale, istituzionale e accademico, ha scelto le vincitrici. L’Award, riconoscimento destinato alle imprese che hanno raggiunto il punteggio più alto, è stato assegnato a Diasen Srl, specializzata nella progettazione e produzione di rivestimenti termici, acustici, impermeabilizzanti, deumidificanti, speciali per l’edilizia residenziale, industriale e per impianti sportivi, a Siot Spa, che si occupa della ricezione e trasporto di liquidi petroliferi mediante condotte, e a Maersk H2S Safety Services Italia Srl, che eroga servizi di supervisione di sicurezza e di monitoraggio gas pericolosi e di siti sospetti di inquinamento o confinati per il rilascio di certificazione “gas free”.

Assegnati anche sei Prize e cinque Menzioni speciali. I sei Prize sono stati invece consegnati a Chemetall Italia Srl (produzione  detergenti e tecnologie di pretrattamento, fornitore in tutto il mondo di diversi prodotti destinati all’industria automobilitisca), Rotork Instruments Italy Srl (produzione e vendita di vetrate isolanti e lavorazione del vetro), Remosa Srl (progettazione, produzione, riparazione, retrofit e assistenza di valvole per impianti FCC Expander), Caterpillar Prodotti Stradali Srl (fabbricazione di macchine da miniera, cava e cantiere), Cooperativa Edile Appennino Srl (realizzazione edifici civili e industriali, opere infrastrutturali, realizzazione e manutenzione), Dompé Farmaceutici Spa (produzione farmaci di sintesi) e Intercos Europe Spa (produzione e commercializzazione di prodotti cosmetici e per il trattamento della pelle e dei capelli). Le cinque Menzioni speciali, per le aziende che hanno sviluppato progetti specifici, sono andate a Super Glanz Spa, Diasen Srl, Chemetall Italia Srl, Dompé Farmaceutici Spa e Geosec Srl. Un attestato, inoltre, è stato consegnato alle aziende finaliste Eredi Raimondo Bufarini Srl, Polykeg Srl e O-I Italy Spa.

© 2024 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004

PNRR 2021-2026 - Next Generation EU (DL 77/2021) - Progetto "Digitalizzazione dell'INAIL"


POC Legalità 2014-2020 - Progetto "Antifrode e Internal Audit"


PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020 - Progetto "Qualificazione dell'INAIL come Polo Strategico Nazionale (PSN)"

Impostazioni cookie