INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

16/03/2023

Il rischio biologico occupazionale nei laboratori non sanitari di analisi, online un nuovo applicativo Inail

Il software, disponibile sul portale dell’Istituto, consente di individuare gli interventi migliorativi da attuare per la salute e la sicurezza dei lavoratori

Immagine rischio biologico
ROMA – Lavorare in laboratori non clinici di analisi pone il personale nella condizione di essere esposto al rischio biologico potenziale, utilizzando matrici di provenienza ambientale e materiali molto eterogenei tra loro e potenzialmente contaminati. Questa tipologia di lavoratori incorre anche in un rischio biologico deliberato, quando utilizza ceppi di riferimento per indagini microbiologiche. Il decreto legislativo 81/2008, agli articoli 271 e 272, prevede per il datore di lavoro l’obbligo di considerare, nella fase di valutazione del rischio, tutte le informazioni disponibili relative alle caratteristiche degli agenti biologici e delle modalità di lavoro, per procedere all’identificazione e l’attuazione delle misure di prevenzione e protezione. A supporto dei datori di lavoro e degli altri soggetti preposti l’Inail ha ideato e reso fruibile on line l’applicazione “Algoritmo per la valutazione del rischio biologico nei laboratori non sanitari”, che consente di calcolare il livello di rischio associato a una specifica mansione.

Destinatari dell’applicativo e modalità di accesso. Il software si rivolge ai datori di lavoro e a quanti operano nei servizi di prevenzione e protezione dei laboratori non clinici di analisi e in contesti lavorativi simili. Per accedere all’applicazione, l’utente deve collegarsi al sito internet dell’Istituto e selezionare il collegamento “accedi ai servizi on line”. In seguito alla procedura di autenticazione, è necessario cliccare sulla voce “rischio biologico” e successivamente su “Algoritmo per la valutazione del rischio biologico nei laboratori non sanitari”.

L’applicazione si compone di due sezioni. L’algoritmo dà la possibilità di calcolare il rischio attraverso due percorsi di valutazione: per esposizione potenziale e per esposizione dovuta a un uso deliberato di agenti biologici. L’utente ha quindi la possibilità di inserire i dati che gli vengono richiesti in relazione alla tipologia di ambiente, alle attività da svolgere e alle procedure di lavoro. Al termine della compilazione del questionario, l’algoritmo è in grado di calcolare il rischio per la mansione specifica.

La metodologia di valutazione del rischio biologico utilizza il metodo a matrice. Il metodo a matrice utilizzato nell’applicativo è uno strumento efficace in cui la valutazione del rischio avviene in funzione dell’eventualità di un determinato evento dannoso e delle sue possibili conseguenze negative. Il percorso metodologico è composto da tre fasi. La prima consiste nella raccolta sistemica e organizzata dei dati, che, nella seconda fase, vengono inseriti nell’algoritmo di valutazione e calcolo del livello di rischio, riferibile alla specifica mansione considerata. Nell’ultima fase, il valutatore è in grado di acquisire gli strumenti necessari all’identificazione e pianificazione degli interventi da realizzare per migliorare le condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori.  


© 2024 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004

PNRR 2021-2026 - Next Generation EU (DL 77/2021) - Progetto "Digitalizzazione dell'INAIL"


POC Legalità 2014-2020 - Progetto "Antifrode e Internal Audit"


PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020 - Progetto "Qualificazione dell'INAIL come Polo Strategico Nazionale (PSN)"

Impostazioni cookie