Impostazioni cookie

Ti trovi in:

04 luglio 2024

Genova, sottoscritto un accordo per la prevenzione del rischio termico nei luoghi di lavoro

La Direzione regionale Inail tra i firmatari dell’intesa che prevede linee guida e buone prassi per la sicurezza dei lavoratori

Genova, sottoscritto un accordo per la prevenzione del rischio termico nei luoghi di lavoro

Close up of business woman hand using mouse with computer laptop for working in office.

GENOVA - L’accordo, firmato mercoledì 26 giugno 2024, illustra le “Indicazioni per la prevenzione e protezione dai rischi correlati alle condizioni di microclima negli ambienti di lavoro per la provincia di Genova”. Promosso dal Prefetto di Genova vede coinvolte, oltre l’Inail, tutte le Istituzioni competenti, le associazioni datoriali e le organizzazioni sindacali, amplia e rinnova l’impegno dello scorso luglio finalizzato alla tutela dei lavoratori in relazione all’esposizione a temperature eccessivamente elevate causa di stress termico. Il documento sottoscritto considera come, per la valutazione del rischio “microclima”, debbono essere predisposte opportune misure di prevenzione che permettano di ridurre al minimo i rischi connessi alle ondate di calore tali da avere significative conseguenze sulla salute tra cui malesseri o infortuni e da incidere sullo svolgimento dell’attività lavorativa.

Linee guida per una maggiore consapevolezza dei rischi. Con l’intesa, Prefettura, Capitaneria di Porto, Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, ASL 3, ASL 4, Ispettorato di Area Metropolitana di Genova, Inail, Inps, Camera di Commercio, Ance, Confindustria, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Confagricoltura, Coldiretti, Cia, Cna, Ordine dei Consulenti del Lavoro di Genova e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil si propongono di disporre, anche per questa stagione estiva, di Linee Guida, misure e buone prassi per promuovere tra i  lavoratori e le imprese maggiore consapevolezza sui rischi da stress termico.  Le parti si impegnano, inoltre, a promuovere iniziative di informazione e formazione “dedicate” sul rischio climatico, anche con il coinvolgimento del mondo della scuola, e al monitoraggio delle azioni intraprese attraverso periodici momenti di confronto.

TI POTREBBE INTERESSARE

Per approfondire