Impostazioni cookie

Ti trovi in:

03 giugno 2024

Marcello Fiori è il nuovo direttore generale dell’Inail

Il primo giugno l’insediamento ufficiale dopo il decreto di nomina firmato il 30 maggio dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone, su proposta del Consiglio di amministrazione dell’Istituto

Marcello Fiori è il nuovo direttore generale dell’Inail

Marcello Fiori

ROMA - Marcello Fiori è il nuovo direttore generale dell’Inail. Nominato dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone, su proposta del Consiglio di amministrazione dell’Istituto, con il decreto numero 88 del 30 maggio 2024, il primo giugno si è insediato al vertice della tecnostruttura dell’ente, che guiderà per il prossimo quadriennio.

Dal 2021 è stato capo del Dipartimento della Funzione pubblica. Classe 1960, Fiori proviene dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, dove ha ricoperto diversi ruoli dirigenziali apicali e a partire dal 2021 è stato capo del Dipartimento della Funzione pubblica. In precedenza ha ricoperto incarichi di coordinamento di numerose emergenze presso il Dipartimento della Protezione civile, è stato capo di Gabinetto presso il Comune di Roma, segretario generale del Ministero delle Comunicazioni, commissario straordinario del Formez e direttore della cabina di regia delle istituzioni e delle aziende coinvolte negli eventi del Giubileo del 2000.

D’Ascenzo: “Con il completamento dell’assetto organizzativo ulteriore slancio all’azione di prevenzione”. Formulando a nome dell’Istituto un sentito augurio di buon lavoro al nuovo direttore generale, il presidente dell’Inail, Fabrizio D’Ascenzo, ha sottolineato che “con la nomina del dottor Fiori, figura di altissimo profilo, si completa il nuovo assetto organizzativo dell’ente. Ciò consentirà di dare ulteriore slancio alla nostra azione di contrasto del fenomeno infortunistico in sinergia con governo, istituzioni e parti sociali e di affrontare con rinnovato spirito le sfide derivanti dai cambiamenti profondi e repentini del mondo del lavoro”.