INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

27/07/2020

Reinserimento delle persone con disabilità da lavoro: rimborso della retribuzione

Disponibili istruzioni operative sulle modalità di rimborso della retribuzione corrisposta a persone con disabilità da lavoro destinatarie di un progetto di reinserimento per la conservazione del posto di lavoro.

La circolare n. 6 del 26 febbraio 2019 ha definito il procedimento relativo alla domanda di rimborso della retribuzione corrisposta dal datore di lavoro alla persona con disabilità da lavoro destinataria di un progetto di reinserimento mirato alla conservazione del posto di lavoro, rimborsata dall’Inail nella misura del 60%.
Per ottenere il rimborso, il datore di lavoro deve trasmettere all’Istituto le buste paga relative ai mesi oggetto del rimborso stesso, attestanti le retribuzioni effettivamente corrisposte.

L’istruzione operativa del 22 luglio 2020 chiarisce preliminarmente che i lavoratori autonomi, ancorché ricompresi tra i destinatari degli interventi di reinserimento lavorativo in quanto soggetti assicurati all’Inail, non rientrano tra i beneficiari del rimborso della retribuzione.

La trasmissione delle buste paga deve avvenire dalla data di manifestazione della volontà da parte del datore di lavoro che, nel caso di progetto elaborato dall’équipe multidisciplinare, coincide con quella della formale acquisizione della disponibilità del datore di lavoro e del lavoratore a collaborare con l’Istituto nell’individuazione degli interventi necessari al reinserimento lavorativo, previa compilazione del modulo “Manifestazione di disponibilità”, all. 1, che deve sottoscrivere sia il datore di lavoro sia il lavoratore.
Nel caso di progetto elaborato dal datore di lavoro, invece, la manifestazione di volontà di attivare il progetto coincide con quella di presentazione del progetto medesimo all’Inail.

Infine, nell’ipotesi in cui il datore di lavoro, antecedentemente alla presentazione del progetto, abbia già comunicato all’Inail, d’intesa con il lavoratore, l’intenzione di procedere alla realizzazione degli interventi di reinserimento, la manifestazione di volontà coincide con la data di sottoscrizione del modulo “Manifestazione di disponibilità”, all. 1.

Le istruzioni, inoltre, chiariscono che a ciascuna delle buste paga deve essere allegato il relativo estratto sottoscritto dal datore di lavoro o da un suo consulente, nel quale sono analiticamente riportati gli importi lordi delle seguenti voci: retribuzione base mensile, “elementi fissi integrativi della paga base (es. EDR, superminimi etc.)”, retribuzione per lavoro straordinario se riferita a mesi ricadenti nel periodo oggetto del rimborso, importo festività cadenti di domenica, importo prestazioni in natura, vitto e alloggio, importo diaria trasferta, importo indennità/maggiorazioni per mensa, trasporto, lavoro notturno, festività, rateo tredicesima e altre mensilità aggiuntive, percentuale del premio di produzione riferita a mesi ricadenti nel periodo oggetto del rimborso.

Per la comunicazione dei dati retributivi relativi a tutto il periodo del rimborso è necessaria la compilazione del modulo “Comunicazione dati retributivi”, all. 2, che deve sottoscritto dal datore di lavoro o da un suo delegato.

Ultimo aggiornamento: 27/07/2020


© 2018 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004

Finanziamento del PON Governance 2014-2020 per la qualificazione dell'Inail come Polo Strategico Nazionale (PSN)