Impostazioni cookie

Ti trovi in:

Quali sono i requisiti di regolarità - impresa con dipendenti

I requisiti di regolarità contributiva sono stabiliti dagli art. 3 e 5 del decreto ministeriale 30 gennaio 2015, come modificati dal decreto ministeriale 23 febbraio 2016.

La verifica della regolarità riguarda tutti i pagamenti dovuti dall’impresa, ovvero tutte le somme dovute per premi ed accessori, incluse ad esempio quelle richieste a seguito di liquidazione di verbali ispettivi, riclassificazioni e simili, scaduti sino all'ultimo giorno del secondo mese antecedente a quello in cui la verifica è effettuata, a condizione che sia scaduto anche il termine di presentazione delle relative denunce retributive. 

In presenza di una differenza tra le somme dovute e quelle versate, con riferimento a ciascun Istituto previdenziale ed a ciascuna Cassa edile, inferiore a 150,00 euro, comprensivi di eventuali accessori di legge, la legge considera lo scostamento non grave e consente il rilascio del Durc Online. 

Sempre in base alle disposizioni normative che regolano la verifica della regolarità contributiva, il Durc Online viene rilasciato nel caso di:

  • rateizzazioni concesse dall'INPS, dall'INAIL o dalle Casse edili ovvero dagli Agenti della riscossione sulla base delle disposizioni di legge e dei rispettivi regolamenti;
  • sospensioni dei pagamenti in forza di disposizioni legislative;
  • crediti in fase amministrativa oggetto di compensazione per la quale sia stato verificato il credito, nelle forme previste dalla legge o dalle disposizioni emanate dagli Enti preposti alla verifica e che sia stata accettata dai medesimi Enti;
  • crediti in fase amministrativa in pendenza di contenzioso amministrativo sino alla decisione che respinge il ricorso;
  • crediti in fase amministrativa in pendenza di contenzioso giudiziario sino al passaggio in giudicato della sentenza, salva l'ipotesi cui all'art. 24, comma 3, del d.lgs. n. 46/1999;
  • crediti affidati per il recupero agli Agenti della riscossione per i quali sia stata disposta la sospensione della cartella di pagamento o dell'avviso di addebito a seguito di ricorso giudiziario.