Impostazioni cookie

Ti trovi in:

Uso responsabile delle nanotecnologie

Le nanotecnologie hanno la potenzialità di contribuire allo sviluppo dell’economia nel lungo periodo, di salvaguardare posti di lavoro esistenti e di crearne di nuovi. ll loro utilizzo influenzerà la produzione tecnologica dei Paesi e la futura competizione internazionale.

L’eccezionale gamma di applicazioni di tali tecnologie innovative intersettoriali ha ramificazioni in quasi tutti i settori della vita. I nanomateriali o i prodotti che li contengono possono possedere nuove e uniche proprietà. Gli effetti di tali proprietà sull’esposizione cui sono potenzialmente soggetti gli esseri umani e l'ambiente possono essere negativi e sono oggetto di un'intensa attività di ricerca.

Attualmente non ci sono specifici limiti di esposizione occupazionale (OEL) ufficialmente riconosciuti per i nanomateriali. Recentemente è stata adottata dall’UNI la norma ISO/TR 18673:2016 "Nanotechnologies —Overview of Available Frameworks for the Development of Occupational Exposure Limits and Bands for Nano-Objects and their Aggregates and Agglomerates (NOAAs)".

La Norma fornisce una raccolta di metodi e procedure utili per determinare i limiti e le bande di esposizione occupazionale (OELs/OEBs) per i nano-oggetti costruiti e i loro aggregati e agglomerati (NOAAs). Tali dati, come è indicato nella norma, sono utili per la gestione del rischio e della salute occupazionale. Inoltre la IARC ha in studio la valutazione per una possibile classificazione nel Gruppo 2B (possibile cancerogeno per l’uomo) per i Nanotubi di Carbonio a parete multipla (MWCNT-7) e nella categoria 3 i Nanotubi di carbonio a parete singola.

Al fine di garantire in questa fase una protezione adeguata della salute e dell’ambiente, sia a livello europeo che internazionale viene raccomandato di  applicare  il principio di precauzione in modo da ridurre al minimo i potenziali rischi di esposizione a nanomateriali