Impostazioni cookie

Ti trovi in:

Bando Isi 2012

Con il Bando Isi 2012 l'Inail finanzia in conto capitale fino al 50% progetti di investimento e per l'adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale. Possono ricevere i contributi Inail le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura. Per il 2012 sono resi disponibili 155,352 milioni di euro ripartiti in budget regionali.

Accesso ai finanziamenti
La procedura per l’invio telematico delle domande prevede pochi passaggi operativi:

  • inserimento della domanda nell'area dedicata dei Servizi online del portale dell'Inail per poter raggiungere il punteggio minimo di ammissibilità;
  • download del codice identificativo;
  • invio della domanda online (previa autenticazione e acquisizione dell'indirizzo e accesso allo sportello informatico secondo la tempistica indicata nel bando, fino al Click day, ovvero il giorno stabilito durante il quale inoltrare le domande telematiche già compilate).

Partecipare è semplice grazie agli strumenti che l'Inail mette a tua disposizione per lo svolgimento rapido, sicuro e agevole delle operazioni.

Incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro
(art. 11, comma 1 lett. a) e comma 5 del d.lgs. 81/2008 e s.m.i.)

1. Obiettivo
Incentivare le imprese a realizzare interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Possono essere presentati progetti di investimento e progetti per l'adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.


2. Ammontare del contributo

L'incentivo è costituito da un contributo in conto capitale nella misura del 50% dei costi del progetto.

Il contributo massimo è pari a 100.000 euro, il contributo minimo erogabile è pari a 5.000 euro. Per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l'adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di spesa. Per i progetti che comportano contributi pari o superiori a € 30.000 è possibile richiedere un'anticipazione del 50% del finanziamento.


3. Destinatari

Destinatari sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura.


4. Risorse
Le risorse per l'anno 2012 Inail sono 155,352 milioni di euro ripartiti in budget regionali, di cui:

 

  • 9,102 milioni di euro per i finanziamenti di cui all'art. 11, comma 1 lett.a) D. Lgs. 81/2008 (le risorse trasferite dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali) destinati ai progetti relativi all'adozione di modelli organizzativi per la gestione della sicurezza
  • 146,250 milioni di euro per i finanziamenti Inail di cui all'art.11 comma 5 D. Lgs. 81/2008 (le risorse Inail) destinati:
    • ai progetti di investimento (strutturali e macchine)
    • ai progetti relativi a:
      • Adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato SA 8000
      • Modalità di rendicontazione sociale asseverata da parte terza indipendente


5. Modalità e tempi

5.1. Compilazione e salvataggio online della domanda - 15 gennaio - 14 marzo 2013

Nel periodo dal 15 gennaio al 14 marzo 2013 sul sito www.inail.it - Punto Cliente, le imprese hanno avuto a disposizione una procedura informatica per l'inserimento della domanda, che ha consentito di effettuare tutte le simulazioni e modifiche necessarie fino alle ore 18.00 del 14 marzo, allo scopo di verificare i parametri associati alle caratteristiche dell'impresa e del progetto ai fini del raggiungimento del punteggio minimo di ammissibilità, pari a 120 (punteggio soglia).


5.2. Download del codice identificativo - 18 marzo 2013

A partire dal 18 marzo 2013 le imprese hanno potuto scaricare il proprio codice identificativo associato alla domanda.
L'Inail ha messo a disposizione dell'utenza un manuale realizzato con l'obiettivo di fornire assistenza nell'utilizzo della procedura di inserimento on-line delle domande, con la descrizione dei singoli campi da compilare e una raccolta di faq aggiornate contenenti alcuni dei quesiti maggiormente ricorrenti.


5.3. Pubblicazione della data di invio della domanda online - 8 aprile 2013

L’8 aprile 2013 sono state pubblicate sul sito www.inail.it la data e l'ora di apertura e di chiusura dello sportello informatico per l'inoltro on-line delle domande.


5.3. Pubblicazione degli elenchi cronologici - 24 aprile 2013
Gli elenchi in ordine cronologico di tutte le domande inoltrate sono stati pubblicati sul sito Inail con evidenza di quelle collocatesi in posizione utile per l'ammissibilità del contributo, ovvero fino alla capienza della dotazione finanziaria complessiva.
Dal 25 aprile le imprese hanno avuto a disposizione 30 giorni per trasmettere alla Sede Inail competente tutta la documentazione prevista, utilizzando la Posta Elettronica Certificata.
In caso di ammissione all'incentivo, l'impresa ha un termine massimo di 12 mesi per realizzare e rendicontare il progetto. Entro 90 giorni dal ricevimento della rendicontazione, in caso di esito positivo delle verifiche, viene predisposto quanto necessario all'erogazione del contributo.

In questa sezione possono essere scaricati gli avvisi pubblici, gli allegati esplicativi e i fac-simile dei moduli accessibili attraverso la procedura informatica.
 

Allegati

A seguito dell’invio telematico delle domande di finanziamento l’Inail (in base a quanto previsto dalle regole tecniche) ha pubblicato gli esiti in elenchi regionali stilati secondo l’ordine di ricevimento delle domande stesse. Le domande ammesse al finanziamento sono contrassegnate dalla lettera "S".

Allegati

In questa sezione sono disponibili le domande frequenti sul Bando Isi 2012

Progetti ammessi a contributo

Sezione articolo 5

5.1 Osta alla possibilità di richiedere i finanziamenti in oggetto il fatto che un intervento venga realizzato a seguito di una prescrizione dell'Asl o di un parere dei Vigili del Fuoco?
L'intervento in sé può essere finanziato, sempreché realizzi un miglioramento effettivo delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto alla condizione preesistente. Sono esclusi i costi relativi all'eventuale sanzione.

5.2 Si può ritenere finanziabile un progetto in cui si propone la riduzione del rischio da rumore, quando nel Documento di valutazione dei rischi (Dvr) è indicato un valore di esposizione inferiore a quello minimo di azione previsto dalla legge?
Il progetto sarà finanziabile qualora comporti il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza rispetto alla condizione preesistente in coerenza con le condizioni di rischio nell’impresa deducibili dal documento di valutazione dei rischi.

Spese ammesse a contributo

Sezione articolo 7

7.1 L'acquisto di macchinari a norma CE è finanziabile solo se l'acquisto è effettuato in sostituzione di macchinario non a norma CE?
Il finanziamento non richiede necessariamente la sostituzione di un altro macchinario. Tuttavia, qualora il progetto preveda la sostituzione di un macchinario non marcato CE, questi devono essere obbligatoriamente messi fuori dal processo produttivo dell’azienda e, in fase di rendicontazione, dovrà esserne data debita comprova.

7.2 È finanziabile la sostituzione di parti di un bene (ad esempio quadri elettrici di un impianto) per renderlo a norma CE?
Sì, nel rispetto degli altri requisiti previsti nell'Avviso pubblico.

7.3 È finanziabile l'installazione di un impianto antincendio?
Sì, nel rispetto degli altri requisiti previsti nell'Avviso pubblico.

7.4 È possibile individuare un confine tra progetti di investimento finanziabili e non finanziabili?
Il progetto è finanziabile se è coerente con le attività aziendali e la valutazione dei rischi dell'impresa nell'ambito del quale l'intervento risulti indispensabile a determinare un miglioramento documentato delle condizioni di sicurezza dei dipendenti.
Alle suddette condizioni sono finanziabili, a mero titolo esemplificativo: cappe di aspirazione da laboratorio; cabine di verniciatura; sistemi di aspirazione localizzata e centralizzata; impianti per l'abbattimento di polveri, gas, fumi, ecc. di ambienti di lavoro interni; analizzatore dei fumi nel camino della caldaia; presidi per la riduzione delle patologie da postura incongrua o protratta; insonorizzazione di impianti, apparecchi o dispositivi; sistemi per l'imbragatura dei carichi sospesi; pale meccaniche o mini escavatori, strumenti portatili per analisi e i campionatori (gascromatografi, spettrometri di massa, ossimetri, campionatori di polveri, dosimetri personali per misurazioni di dosi da radiazioni ionizzanti; fonometri, luxometri, accelerometri, gru e sponda idraulica per autocarro; atomizzatori agricoli; carribotte spandiliquame, ecc).

7.5 È finanziabile l'adeguamento dei trattori agricoli o forestali ai requisiti minimi di sicurezza per l'uso delle attrezzature di lavoro previsti al punto 2.4 della Parte II dell'allegato V del d.lgs. 81/2008 attraverso l'installazione di una struttura di protezione in caso di capovolgimento e cinture di sicurezza?
Sì, nel rispetto dei requisiti previsti nell’Avviso pubblico.

7.6 È finanziabile l'acquisto di un macchinario usato?
Sì, purché sia a norma e comporti un miglioramento effettivo delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto alla condizione preesistente.

7.7 Qualora la domanda di finanziamento non vada a buon fine, vengono rimborsate le spese sostenute in fase di progettazione?
No.

7.8 Se si intende realizzare un intervento di riduzione del rischio da agenti chimici in vari reparti con l'installazione di diversi dispositivi di aspirazione, poiché nei diversi reparti gli agenti chimici da abbattere sono differenti, si può presentare un progetto complessivo?
Sì, poiché la tipologia di rischio sul quale si interviene è la medesima (agenti chimici riportati nel punto 4bis dell’Allegato 1 dell’Avviso Pubblico).

7.9 È possibile richiedere il finanziamento per l'acquisto di più macchinari?
Solo se tutti i macchinari acquistati sono coerenti con la riduzione/eliminazione della medesima causa di infortunio o del fattore di rischio indicati in fase di presentazione della domanda di contributo.

7.10 Sono considerati costi ammissibili al finanziamento i costi consulenziali di redazione, progettazione e presentazione della domanda?
Sì, entro i limiti previsti negli allegati all'Avviso pubblico.

7.11 L’impianto elettrico di cantiere rientra nelle opere ammesse al contributo?
L’impianto elettrico di cantiere non rientra nelle opere ammesse al contributo in quanto l'acquisto di macchinari o apprestamenti indispensabili per l'erogazione di un servizio o per la produzione di un bene, che l'impresa deve possedere per poter operare “non costituisce "miglioramento".

7.12 La consulenza per l'approfondimento relativo alla valutazione dei rischi nelle sue varie parti è finanziabile in un progetto che prevede la certificazione di un SGSL?
Le spese di consulenza di cui alla colonna 3 dell'Allegato 2 del Bando sono quelle riferite esclusivamente all’implementazione di un SGSL. Le spese di consulenza funzionali alla valutazione dei rischi, ossia in ottemperanza all’art. 17 del D. Lgs. 81/08, non sono finanziabili.

Spese non ammesse a contributo

Sezione articolo 8

8.1 I costi per l'implementazione di un sistema di videosorveglianza possono essere finanziabili?
No.

8.2 Un'azienda edile che fa trasporto anche tramite l'utilizzo di natanti può richiedere il finanziamento per la sostituzione dei motori su questi mezzi?
No.

Progetti di investimento

Sezione A1 - Allegato 1

A 1.1 È possibile presentare un progetto di cui solo una parte è finanziabile?
Sì, purché sia presente un'analisi dei costi tale da consentire una selezione degli interventi da finanziare.

A 1.2 Quali dati vanno indicati nella sezione relativa alle Dimensioni Aziendali e al Fatturato/Bilancio?
Si devono prendere in considerazione fatturato e bilancio dell'ultimo esercizio contabile chiuso ed approvato alla data di inserimento della domanda online.
Per le imprese in contabilità semplificata e, quindi non tenute a redigere un bilancio, questi dati sono desunti dall'ultima dichiarazione dei redditi.
Se si tratta di un'impresa di nuova costituzione, i cui conti non sono ancora stati chiusi, i dati in questione sono oggetto di una stima in buona fede ad esercizio in corso.
Il numero degli occupati corrisponde al numero di unità-lavorative-anno (ULA), cioè al numero medio mensile di dipendenti occupati a tempo pieno durante un anno, mentre quelli a tempo parziale e quelli stagionali rappresentano frazioni di ULA. Il periodo da prendere in considerazione è quello cui si riferiscono i dati relativi al Fatturato/Bilancio.

A 1.3 Nel caso di un'impresa edile, dal momento che svolge attività diverse nell'ambito della propria attività core, che tipo di layout deve inserire nella relazione? Occorre individuare un layout standard per tutte le attività?
In generale, il layout è necessario per descrivere il contesto nel quale si inserisce il tipo di intervento per il quale si richiede il finanziamento; nel caso di specie, può essere sufficiente una descrizione schematica del contesto nel quale si inserisce l’intervento da finanziare.

A 1.4 Un progetto che prevede il "rifacimento del tetto per eliminazione e smaltimento eternit" è da considerarsi:

  1. ristrutturazione o modifica strutturale e/o impiantistica degli ambienti di lavoro                                                                                                                                                    oppure
  2. intervento relativo alla riduzione /eliminazione di fattori di rischio?

Un progetto che prevede il "rifacimento del tetto per eliminazione e smaltimento eternit" è da considerarsi come B) intervento relativo alla riduzione /eliminazione di fattori di rischio. Come tale, sono finanziabili le sole spese di eliminazione e smaltimento dell’eternit, e non anche quelle relative al rifacimento/consolidamento delle relative strutture di sostegno. Poiché frequentemente l’eternit funge anche da manto di copertura, in tal caso potrà essere ammesso a finanziamento anche il rifacimento del solo manto di copertura con soluzioni di livello equivalente alla preesistenza (onduline, tegole, ecc.) mentre saranno escluse dal finanziamento le altre eventuali componenti accessorie, quali pannellature di coibentazione, moduli fotovoltaici, ecc.

Progetti responsabilita sociale e modelli organizzativi

Sezione A2 - Allegato 2

A2.1 È finanziabile un sistema di gestione realizzato secondo la ISO 9001 o la ISO 14001, EMAS?
No. Non riguardano sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro.

A2.2 Sono ammesse a finanziamento le visite preliminari e gli audit di mantenimento di un sistema di gestione della sicurezza certificato?
Sono finanziabili tutte le attività effettuate e rendicontate entro i 12 mesi dalla data di approvazione del finanziamento.

A2.3 I sistemi di gestione integrati (ad es. qualità, ambiente, sicurezza, etc.) possono essere finanziati?
Sì, ma solo per la parte strettamente attinente al sistema di gestione della sicurezza sul lavoro e quindi con un'analisi dei costi che consenta di verificarlo.

A2.4 Gli investimenti (acquisti macchinari, messa a norma impianti, ecc.) propedeutici all'implementazione di un SGSL sono finanziabili?
L'impresa può presentare un solo progetto riguardante una tipologia tra quelle ammesse a contributo (progetti di investimento; progetti per l'adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale).

A2.5 È finanziabile un modello organizzativo implementato ai sensi del d.lgs. 231/2001 ?
Solo per la parte relativa alla salute e sicurezza; in caso di modelli organizzativi che comprendano più reati è necessario scorporare i costi relativi ai reati di cui all'art 300 del d.lgs 81/2008.

A2.6 Poiché il bando richiede che un modello organizzativo rientrante nei progetti di tipologia 2 sia mantenuto per un triennio a decorrere dalla data della certificazione, nel finanziamento è possibile ricomprendere le spese per le visite di audit da sostenere nel triennio?
Sono finanziabili tutte le attività effettuate e rendicontate entro i 12 mesi dalla data di approvazione del finanziamento.

A2.7 Per l'implementazione di un SGSL sono finanziabili i costi del software on line necessario per l'implementazione e finalizzato esclusivamente ad essa (programmi specifici e non pacchetti office o simili)?
Sono riconoscibili le spese indicate nella colonna 3 dell’allegato 2 dell’Avviso ossia spese di consulenza, spese per la formazione inerente i nuovi processi organizzativi, comprese le eventuali spese di certificazione. Tra tali spese non sono comprese quelle relative all’acquisto del software.

Perizia giurata

Sezione modulo B1

B1.1 Un RSPP può redigere la perizia giurata?
La perizia giurata non può essere redatta da un RSPP che abbia un rapporto di dipendenza di qualsivoglia natura con l’Azienda, pertanto non può essere redatta né dal RSPP dell’Azienda che presenta il progetto né delle Ditte fornitrici e/o esecutrici delle opere.

Varie

È finanziabile un intervento su ambienti di lavoro anche se l'impresa non è proprietaria dei locali?
Sì. Il requisito generale è il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti. È pertanto ininfluente il fatto che l’azienda eserciti la propria attività in locali di cui è proprietaria o in locali che abbia in uso a titolo di locazione, comodato o simili. Resta fermo il vincolo del mantenimento almeno biennale dei beni acquistati o realizzati, secondo quanto previsto all’art. 21 punto c) dell’Avviso pubblico, per cui al momento della presentazione della domanda l’impresa dovrà valutare se tale condizione potrà essere rispettata, in considerazione del prevedibile periodo di occupazione dei medesimi locali.

ALLEGATI e TI POTREBBE INTERESSARE