INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Progetto “Workislife: la vita per il lavoro”

Progetto rivolto ai lavoratori del comparto edile, a seguito dell’accordo regionale, finalizzato alla prevenzione di patologie collegate al lavoro, con particolare attenzione a quelle di tipo muscolo-scheletrico, attraverso l’individuazione di interventi per la promozione della salute, della prevenzione e della tutela dei lavoratori.

Umbria_mappa_progetti

Obiettivi

  • prevenire patologie collegate al lavoro, con particolare attenzione a quelle di tipo muscolo-scheletrico nei lavoratori del comparto edile attraverso l’individuazione di interventi per la promozione della salute, della prevenzione e della tutela dei lavoratori;
  • realizzare un’indagine, su un campione ampio e rappresentativo (circa 2.000 lavoratori del settore edile), al fine di ottenere dati indispensabili alla progettazione e sviluppo di strumenti di prevenzione tesi al miglioramento delle condizioni lavorative, in termini di salute e sicurezza;
  • individuare le attività che contribuiranno a mettere il lavoratore in grado di agire con consapevolezza nel contesto lavorativo, adottando comportamenti attenti e consapevoli per evitare gli infortuni nei luoghi di lavoro e prevenire le malattie professionali;
  • contribuire alla creazione di un sistema di rilevazione permanente sulle condizioni di lavoro che permetta, nel tempo, di effettuare i necessari cambiamenti organizzativi ed intervenire a supporto della eventuale modifica delle modalità lavorative e dei comportamenti individuali in base alle mutate condizioni di lavoro;
  • studiare dei percorsi di formazione in tema di prevenzione, collegati anche a quelli di adozione delle corrette modalità fisiche di realizzazione delle attività lavorative, in particolare per quelle mansioni che prevedono particolare stress lavorativo ed impegno fisico, per ottenere un miglioramento complessivo del benessere fisico ed aziendale/organizzativo;
  • individuare delle buone pratiche di prevenzione e dei paradigmi comportamentali da adottare per evitare l’insorgenza di patologie a carico dell’apparato muscolo scheletrico dei lavoratori;
  • contribuire a ridurre il livello di rischio e a sostenere il sistema lavoro, nonché ridurre i costi sociali collegati alla presenza di infortuni e patologie.

Fasi del progetto e attività
Sono previste le seguenti 4 fasi con le relative attività e tempi di realizzazione:

1° fase – Ideazione progetto e analisi dei fabbisogni e delle criticità – durata 6 mesi (gennaio/giugno 2019)
 
L’ ideazione del progetto e degli strumenti di analisi e rilevazione. Ai lavoratori edili verranno somministrati dei questionari specificatamente studiati, con la collaborazione dei medici competenti aziendali, per la rilevazione dei dati e delle eventuali criticità in relazione al contesto lavorativo del settore edile in termini di sicurezza, con particolare riferimento alle attività che possono causare danni dell’apparato muscolo scheletrico. Nel questionario sarà prevista anche la rilevazione di elementi anagrafici e aziendali, mansioni svolta, ripetitività delle stesse, anomalie, ecc.. Inoltre gli item dedicati alla tematica in oggetto mireranno ad indagare:
 
  • la tipologia di attività svolta più frequentemente;
  • i rischi con i quali ci si confronta maggiormente nello svolgimento dell’attività;
  • l’esistenza di procedure operative condivise;
  • gli elementi che comportano difficoltà operative nello svolgimento dell’attività;
  • il tempo dedicato alle varie attività svolte, anche extra lavorative.
 
2° fase –Elaborazione dei dati raccolti ed elaborazione percorsi e strumenti – durata 4 mesi (luglio /ottobre 2019)
 
Dai risultati dell’analisi verranno individuati i principali comportamenti lavorativi, anche non conformi, che possono causare problemi fisici. In particolare verranno approfonditi i temi collegati alla prevenzione dei rischi emersi con attenzione specifica a quelli che possono portare a danni a carico dell’apparato muscolo-scheletrico ed eventualmente tecnopatie. Verranno valutate le criticità rappresentate dai lavoratori e individuati i comportamenti ottimali e le eventuali attività di correzione volte a prevenire l’insorgenza di danni alla salute, con particolare riferimento all’apparato muscolo/scheletrico. Saranno progettate, con l’ausilio di esperti, anche le attività fisiche per prevenire e/o riduzione la sintomatologia del dolore e il miglioramento dell’elasticità muscolare. Saranno inoltre specificati contenuti, tempi, modi di erogazione e professionisti di settore.
 
3° fase – Individuazione comportamenti ideali e sperimentazione “palestra” rieducativa – durata 4 mesi (gennaio/aprile 2020)
 
Si procederà all’individuazione delle attività anche fisiche volte ad istruire i lavoratori sulle corrette posture lavorative. È prevista l’organizzazione di incontri motivazionali con i lavoratori per l’attuazione della sperimentazione volta a dare indicazioni fisiche, sulle corrette posture e comportamenti lavorativi anche ai fini riabilitativi e di contenimento del dolore. Verranno realizzati incontri con i medici competenti per il confronto sui dati rilevati e sulla eventuale attività fisica che i lavoratori potranno effettuare per migliorare le condizioni di salute e prevenire danni all’apparato muscolo scheletrico. In via sperimentale si procederà con l’individuare spazi e attrezzature necessari per lo svolgimento di attività per istruire i lavoratori interessati al progetto.
 
4° fase – Sperimentazione dei servizi e diffusione risultati – durata 10 mesi (maggio/dicembre 2020)
 
Si procederà poi con l’attivazione della sperimentazione sulla campionatura rilevata con la realizzazione di 45 moduli differenziati per 8 sedute con un massimo di 6 persone (si ipotizzano interventi su max 300 lavoratori). Al termine della sperimentazione è prevista la verifica dei risultati e la stesura del report finale con la realizzazione di un seminario di diffusione degli esiti progettuali alla cittadinanza e agli stakeholder.

Allegati

Ultimo aggiornamento: 24/01/2019


© 2018 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004