INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Benessere di chi lavora

Frecciarosa

L’accordo quadro tra Inail e Ferrovie dello Stato, della durata di quattro anni, è stato siglato il 1° ottobre 2012 con l'obiettivo di tutelare la salute dei lavoratori e ridurre il numero degli infortuni nel settore. L’accordo dà inoltre particolare attenzione al mondo femminile: è stato, infatti, firmato nel corso della conferenza di presentazione dell’iniziativa Frecciarosa, manifestazione in collaborazione con il ministero della Salute, la Consigliera nazionale di parità, le associazioni di settore, il mondo imprenditoriale e Inail.

Salute e sicurezza sul lavoro

Con l’entrata in vigore del dlgs 81/2008 e s.m.i. il genere diventa una variabile rilevante per garantire «l’uniformità della tutela delle lavoratrici e dei lavoratori sul territorio nazionale attraverso il rispetto dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali» (art.1 co.1).
Per sostenere le aziende nel recepimento di questo obbligo normativo, la Direzione regionale Inail Toscana, su iniziativa del Comitato unico di garanzia Inail ed in sinergia con il medesimo, ha avviato nel 2009, un percorso pilota di ricerca che ha coinvolto prima l’Università degli studi di Firenze e, negli ultimi anni, un gruppo multidisciplinare dell’Università di Pisa (medicina del lavoro, igiene e sociologia), con il quale sono state gettate le basi della ricerca nel quadriennio 2012-2016.
L’obiettivo del percorso di ricerca è fornire alle aziende/enti pubblici e alle istituzioni competenti indicazioni specifiche e applicativi per la valutazione dei rischi in ottica di genere e per lo studio e la prevenzione del fenomeno degli infortuni in itinere. Nell’ambito del progetto pilota, che ha visto il coinvolgimento di imprese toscane pubbliche e private, sono stati messi a punto degli strumenti operativi per valutare l’efficacia della gestione in ottica di genere della sicurezza aziendale. Mediante una revisione sistematica di documenti prodotti a livello sia nazionale che internazionale sono state inoltre messe a punto delle schede di rischio per evidenziare, se esistente, una diversa suscettibilità o differenti effetti tra uomo e donna nei confronti di specifici rischi.
Una priorità è costituita dalle schede riguardanti il rischio chimico.
Sono state quindi implementate alcune mappe di rischio per comparto, con evidenziate le esposizioni differenziate per genere. E’ stato quindi messo a punto un questionario sugli infortuni in itinere, al fine di valutare se e come l’azienda può porre in atto delle azioni di conciliazione per limitare l’incidenza del fenomeno.
Date la particolare valenza del progetto pilota e le caratteristiche di replicabilità sul territorio, nel luglio 2016 è stato creato dalla Dc Prevenzione un gruppo di lavoro multidisciplinare a livello centrale.

Il percorso di ricerca e gli strumenti operativi in fase di realizzazione sono illustrati in quattro monografie.

Welfare aziendale

Ultimo aggiornamento: 13/09/2018