INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Codice disciplinare

Il 15 novembre 2009 è entrato in vigore il decreto legislativo 27 ottobre 2009 n. 150 che ha introdotto nuove norme in materia di sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche. 
L'Inail ha adeguato i propri regolamenti disciplinari, integrando le innovazioni legislative e le disposizioni contrattuali vigenti.

A seguito della sottoscrizione, per il triennio 2016-2018, del Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del comparto Istruzione e ricerca (19 aprile 2018) e del Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del comparto Funzioni centrali (12 febbraio 2018), sono stati adottati i nuovi Codici disciplinari che recepiscono le disposizioni in materia disciplinare dettate dal Ccnl e le integrano con le disposizioni di legge e con il Codice di comportamento approvato con determinazione del Presidente Inail 21 gennaio 2015, n. 15.

Codice disciplinare per il personale delle aree

Il nuovo Codice disciplinare per il personale delle aree entra in vigore a partire dal quindicesimo giorno successivo a quello della pubblicazione (circolare Inail n. 12 del 23 febbraio 2018) e sostituisce il precedente.

Codice disciplinare per il personale dei livelli e per i ricercatori e tecnologi

Il Codice disciplinare per il personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e a tempo determinato dipendente dell’Amministrazione destinatario del Ccnl del comparto Istruzione e ricerca, entra in vigore a partire dal quindicesimo giorno successivo a quello della pubblicazione (circolare Inail n. 21 del 3 maggio 2018).

Regolamento disciplinare per il personale con qualifica dirigenziale

Circolare Inail n. 13 del 1° febbraio 2011

Organo:
Inail - Direzione Generale - Direzione Centrale Risorse Umane
Documento: Circolare n. 13 del 1° febbraio 2011.
Oggetto: Regolamento disciplinare per il personale con qualifica dirigenziale.

Quadro normativo

  • C.C.N.L. della dirigenza area VI degli Enti Pubblici non economici e Agenzie Fiscali per il quadriennio normativo 2006-2009 e biennioeconomico 2006-2007, sottoscritto in data 21 luglio 2010
  • Decreto Legislativo n. 150 del 27 ottobre 2009 : "Attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni"
  • Decreto Legislativo n. 165 del 30 marzo 2001 e successive modificazioni ed integrazioni
  • Decreto Legislativo n. 78 del 31 maggio 2010 , convertito in Legge n. 122 del 30 luglio 2010
  • Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 232 del 1° luglio1999 con la quale è stato adottato il Regolamento di Organizzazione
  • Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 9 dell' 11 gennaio 2005 e successive modifiche, con la quale è stato adottato il Codice di Condotta contro le molestie sessuali
  • Codice di Comportamento dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni

- Sono previste sanzioni a carattere conservativo che vanno dalla sanzione pecuniaria alla sospensione dal servizio con privazione della retribuzione
- Il sistema delle infrazioni e delle relative sanzioni è riportato nel Codice Disciplinare, che costituisce parte integrante del regolamento disciplinare
- Le competenze per l'adozione dei provvedimenti disciplinari e per i provvedimenti di sospensione cautelare sono state riformulate in base alle disposizioni recate in materia dal Decreto legislativo n. 150/09 e alle modifiche sugli Organi dell'Istituto previste da Decreto legislativo n. 78/10, convertito in Legge n. 122/10
- Sono previste, ai sensi della normativa contrattuale, le procedure per la reintegrazione in servizio del dirigente illegittimamente licenziato o, in alternativa, è prevista la corresponsione di una indennità sostitutiva
- Viene delineata l'attività dell'ufficio disciplinare e contenzioso nell'ambito dei procedimenti disciplinari che riguardano il personale dirigente
- Il regolamento contiene anche la procedura per la determinazione concordata, tra Amministrazione e dirigente, della sanzione disciplinare

PREMESSA
Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro della dirigenza dell'Area VI (Enti Pubblici non economici), sottoscritto in data 21 luglio 2010, ha delineato uno specifico sistema di norme disciplinari per le qualifiche dirigenziali, armonizzando le innovazioni in materia introdotte dal Decreto legislativo n. 150 del 2009, applicabili a tutte le categorie di dipendenti pubblici, con la previsione di altre infrazioni e relative sanzioni relative alle funzioni svolte dalle qualifiche dirigenziali stesse.

Si è, pertanto, ritenuto opportuno predisporre un atto regolamentare, comprendente anche gli ulteriori aspetti attinenti alla materia in questione, in particolare le tipologie e le modalità delle sospensioni cautelari, il rapporto tra procedimento penale e procedimento disciplinare, le procedure per la determinazione concordata delle sanzioni, le modalità di reintegrazione in servizio per i licenziamenti dichiarati illegittimi e, soprattutto, la rivisitazione delle competenze per l'adozione dei diversi provvedimenti.

DESTINATARI
Il regolamento si applica a tutto il personale dirigente di prima e di seconda fascia, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato o determinato, dell'INAIL, dell'ex IPSEMA ed dell'ex ISPESL.

INNOVAZIONI
PUBBLICITA' DEL REGOLAMENTO DISCIPLINARE
Il presente regolamento, ai sensi dell'articolo 55 del Decreto legislativo n. 165/2001, così come modificato dall'articolo 68 del Decreto legislativo n. 150/2009, è pubblicato sul sito istituzionale dell'Amministrazione, sia in ambiente internet sia in quello intranet. Tale pubblicazione equivale a tutti gli effetti alla sua affissione all'ingresso della sede di lavoro.

ALLEGATI
Al Regolamento vengono allegati il Codice di Comportamento dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni ed il Codice di Condotta contro le molestie sessuali.

DIFFUSIONE
La presente circolare dovrà essere notificata al personale dirigente di I e II fascia, anche con contratto a tempo determinato, con le modalità previste dalla circolare n. 3/1973.

IL DIRETTORE GENERALE

Ultimo aggiornamento: 11/05/2018