INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

13/03/2018

Le tecnologie assistive per il reinserimento socio-lavorativo delle persone con gravi disabilità

Il Parlamentino Inail di via IV Novembre, a Roma, ha ospitato il seminario conclusivo del progetto di ricerca triennale PDT 1/2 “Osservatori: Service delivery in assistive technology”, frutto della sinergia tra il Centro Protesi di Vigorso di Budrio, l'Asl di Bologna e la rete Glic, che riunisce i centri di consulenza sugli ausili informatici ed elettronici per disabili

Le tecnologie assistive per il reinserimento socio-lavorativo delle persone con gravi disabilità
ROMA - Ottenere un effettivo miglioramento della qualità della vita degli assistiti Inail attraverso ausili tecnologici appropriati, in grado di garantire il reinserimento socio-lavorativo anche alle persone con un grave deficit di autonomia. Questo l’ambizioso obiettivo del progetto di ricerca triennale PDT 1/2 “Osservatori: Service delivery in assistive technology”, realizzato dal Centro Protesi Inail di Vigorso di Budrio insieme alla Asl di Bologna e alla rete Glic, che riunisce i centri di consulenza specialistica sugli ausili informatici ed elettronici per disabili, distribuiti in 14 regioni italiane.

De Felice: “Iniziativa originale che va portata come esempio”. Risultati e prospettive del progetto, avviato ufficialmente nel gennaio 2015, sono stati presentati ieri mattina a Roma, presso il Parlamentino Inail di via IV Novembre, nel corso di un seminario scientifico che ha visto la partecipazione del presidente dell’Istituto, Massimo De Felice, e dei rappresentanti di tutti gli enti coinvolti. “Oggi affrontiamo un tema rilevante – ha detto De Felice nell’intervento di apertura – Questo progetto va portato come esempio perché riguarda il processo di inclusione in ambito socio-lavorativo, che consente alle persone con disabilità di riconquistare una vita indipendente”. Per il presidente dell’Inail l’importanza del lavoro portato avanti nell’ultimo triennio sta nella sua originalità, che si caratterizza per tre aspetti: la forma di contatto con la tecnologia, per cui è fondamentale attivare un osservatorio sugli ausili tecnologici disponibili, la rete di collaborazioni e la produzione culturale.

Fondamentale l’apporto di sette Direzioni regionali per 12 casi studio. L’attività del triennio si è articolata su diversi fronti, dal monitoraggio del mercato degli ausili tecnologici, caratterizzato da innovazioni continue che richiedono un’attenzione costante, alla valutazione dell’outcome del percorso-ausili, che analizza il reale rapporto tra costi e benefici delle tecnologie assistive. Fondamentale per lo sviluppo del progetto – che ha individuato il suo target di riferimento nei pazienti mielolesi con gravi deficit sensoriali, motori e cognitivi – è stato anche l’apporto fornito dalle équipe delle Direzioni regionali Inail di Emilia Romagna, Veneto, Lombardia, Toscana, Lazio, Campania e Puglia, che ha permesso di effettuare 12 casi studio sui percorsi di fornitura degli ausili tecnologici, attraverso l’affiancamento delle competenze Inail con quelle dei centri ausili della rete Glic presenti sul territorio.  

Promossa un’articolata attività di formazione. L’insieme delle azioni promosse si è tradotto anche in un’elaborata attività di formazione dei referenti designati dalle Direzioni regionali dell’Istituto coinvolte, svolta attraverso la pubblicazione di un “Manuale degli ausili elettronici e informatici”, la redazione di un Book di progetto, lezioni a distanza e corsi in presenza. Il tema degli ausili tecnologici e delle soluzioni basate sull’ICT, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, è stato inoltre divulgato con una newsletter ad hoc, un sito web, che è diventato il contenitore di tutti i documenti prodotti nel corso del progetto, e la presenza a fiere e convegni.

Dalla domotica soluzioni impiantistiche per case ed edifici. Su una tematica emergente come quella della domotica, ovvero l’insieme delle applicazioni di tecnologie ICT alle soluzioni impiantistiche per abitazioni ed edifici, che possono modificare le caratteristiche funzionali dei luoghi di vita per rispondere ai bisogni di chi ci abita, si è provveduto alla progettazione di un’abitazione in grado di adattarsi alle esigenze degli utenti Inail, che può rappresentare una sorta di “linea guida” a disposizione delle sedi territoriali dell’Istituto per la realizzazione di interventi di automazione domestica.

INAIL sede centrale: P.le Pastore 6, 00144 Roma (RM) - P. IVA 00968951004