INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

21/06/2019

La prevenzione delle discriminazioni: all’Inail il seminario sulle relazioni tra Cug e disability manager

L’evento, organizzato a Roma dal Comitato unico di garanzia dell’Istituto presso l’Auditorium della Direzione generale, è il terzo di un ciclo dedicato alla valorizzazione delle diversità sul luogo di lavoro

(.jpg - 183 kb)
ROMA – Contrastare ogni tipo di discriminazione nei confronti delle persone con disabilità: è questo uno degli obiettivi dei Comitati unici di garanzia, che si unisce a doppio filo alla mission del disability manager, una nuova figura introdotta nelle PA. L’Inail è tra le prime amministrazioni ad aver nominato il suo disability manager, che collaborerà a stretto contatto con il Cug dell’Istituto, come previsto anche dalla direttiva sulle “Misure per promuovere le pari opportunità e rafforzare il ruolo dei Comitati unici di garanzia nelle amministrazioni pubbliche” all’esame, in questi giorni, della Conferenza Stato-Regioni. 

Il programma della giornata. Il seminario ha approfondito i temi legati alla prevenzione delle discriminazioni e a tutti gli aspetti, anche culturali, che segnano il reinserimento lavorativo delle persone con disabilità e dei pazienti cronici. Durante i lavori, moderati da Alessia Pinzello, disability manager della Direzione generale dell’Inail, sono intervenuti, tra gli altri, Giovanni Contenti, vicario della Direzione risorse umane dell’Istituto, Antonella Ninci, presidente del Cug, Michele Tiraboschi, docente di diritto del lavoro all’Università di Modena e Stefano Giordani, direttore scientifico dell’associazione Onconauti.

Contenti: “La vera conquista è il tessuto sociale”. “L’Inail ha avviato da tempo un percorso per ridurre la distanza tra le persone con disabilità e il mondo del lavoro - ha spiegato nel suo intervento Giovanni Contenti, vicario della Direzione risorse umane - Abbiamo aperto le porte a modalità agili di lavoro e a metodi per attuare il benessere lavorativo, come il telelavoro e il part-time. C’è un forte investimento verso un cambiamento culturale”.

Ninci: “Ai Cug un ruolo di vigilanza nella nuova direttiva sulle pari opportunità nella Pa”. La presidente del Comitato unico di garanzia dell’Inail, Antonella Ninci, ha anticipato i contenuti della direttiva in corso di approvazione. “La direttiva prevede un collegamento tra le attività del Cug e quelle del disability manager e riesce anche a integrare, nei piani della performance, i temi delle pari opportunità contenuti soprattutto nei piani triennali di azioni positive. Un altro elemento importante - ha sottolineato - è il richiamo a porre in essere progetti per il reinserimento di coloro che sono stati assenti dal luogo di lavoro per lunghi periodi. I Cug, fino ad oggi soggetti proponenti, vedranno incrementato il loro ruolo, acquisendo anche la funzione di vigilanza sull’attuazione di quanto proposto”.

Pinzello: “A breve la nomina dei disability manager regionali”. “In mancanza di una precisa definizione normativa - ha spiegato Alessia Pinzello, disability manager della Direzione generale dell’Inail - questa figura è in via di definizione e si presta a diverse declinazioni in relazione ai contesti in cui opera. Il suo compito, comunque, è quello di facilitare l’inclusione. Il mio primo obiettivo – ha aggiunto - è accreditarmi come punto di riferimento nei confronti del personale dell’Istituto con disabilità. L’ambizione – ha concluso - è quella di creare sinergie esterne e interne: a breve nascerà la rete dei disability manager regionali che sono in fase di nomina”.

© 2018 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004