INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

05/11/2021

I fattori di rischio trasversali e da smart working: se ne parla in un seminario Fincantieri-Inail

È in programma il 10 novembre prossimo il primo dei tre workshop, previsti tra le attività dell’accordo tra l’Istituto e la multinazionale della cantieristica italiana, sulla valutazione dei rischi: da quelli connessi alle differenze di genere, anagrafiche, linguistiche e culturali a quelli derivanti dal lavoro agile

Seminario Fincantieri 10 novembre 2021
ROMA – Nella valutazione complessiva dei rischi regolata dal decreto legislativo 81/2008 rientrano anche quelli riferiti a gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, come le differenze di genere, di età, di provenienza geografica. Tra i “nuovi” rischi da considerare, anche per effetto della crisi sanitaria da Sars-CoV-2, vi sono anche quelli derivanti dal lavoro agile. Divenuto una modalità lavorativa trasversale e alternata a quella in presenza, lo smart working non è esente da rischi, con conseguenze sia sulla salute fisica che psicosociale dei lavoratori.

L’evento rientra nel protocollo Inail-Fincantieri del 2019. Tratta questi argomenti il seminario online che Inail e Fincantieri hanno promosso per il prossimo 10 novembre a partire dalle 9.30. Il workshop è il primo di un ciclo di tre eventi e rientra tra le attività previste dal protocollo d’intesa tra l’Istituto e la multinazionale della cantieristica italiana, particolarmente attenta a queste tematiche per le sue attività, diffuse in 4 continenti e svolte trasversalmente da oltre 20mila dipendenti. Oltre all’analisi dei processi produttivi e dei rischi connessi alle lavorazioni specifiche dei cantieri navali, l’accordo, siglato nel 2019, punta alla realizzazione di iniziative formative e informative congiunte, volte a favorire la promozione della cultura della prevenzione. 

Profili tecnici e normativi di smart working, genere e età, differenze linguistiche e culturali. Dopo i saluti di Ester Rotoli, direttore centrale Prevenzione Inail, e di Francesco Saverio Zanoni, responsabile dell’area salute e sicurezza Fincantieri, nel seminario sono previsti gli interventi dei professionisti dei due enti. In programma, l’esame degli aspetti tecnico-normativi, contrattuali e giuslavoristici dello smart working, l’analisi dei fattori di genere e di età e delle differenze linguistiche e culturali da tener presenti nella valutazione dei rischi, e una panoramica delle esperienze attuate. Tra queste, quella condotta sul campo nel cantiere navale di Genova-Sestri Ponente.

© 2022 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004

Finanziamento del PON Governance 2014-2020 per la qualificazione dell'Inail come Polo Strategico Nazionale (PSN)
Impostazioni cookie