INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

20/09/2018

Dal 25 al 29 settembre l’Inail alla fiera “Rehacare 2018” di Düsseldorf

Nell’ambito della 41esima edizione della manifestazione in programma nella città tedesca, il Centro Protesi di Vigorso di Budrio e il Centro di riabilitazione motoria di Volterra presenteranno i risultati più significativi della propria attività di ricerca protesica e riabilitativa

La mano protesica di derivazione robotica “Hannes”, tra i progetti di ricerca Inail presentati alla fiera “Rehacare 2018” di Düsseldorf
DÜSSELDORF - Dal 25 al 29 settembre ritorna a Düsseldorf “Rehacare - International Fair for Rehabilitation and Care”, evento dedicato alla disabilità, alla cura e alla riabilitazione, considerato il più importante e prestigioso del settore a livello europeo.

Alla rassegna prendono parte operatori provenienti da tutto il mondo. Giunta alla 41esima edizione, la rassegna può contare da sempre sulla presenza di operatori provenienti da tutto il mondo che trovano in questa sede un’opportunità di aggiornamento e di confronto unica, avendo la possibilità di accedere contestualmente a tutte le novità del settore.

Il contributo dell’Istituto incentrato su alcuni dei progetti più rilevanti degli ultimi anni. Nell’ambito dell’evento, il Centro Protesi Inail e il Centro di riabilitazione di Volterra presenteranno i risultati più significativi della propria attività di ricerca protesica e riabilitativa, tra cui la mano protesica di derivazione robotica “Hannes” e il prototipo di esoscheletro “Twin”, entrambi frutto della collaborazione tra il Centro Protesi e l’Istituto italiano di tecnologia di Genova. Sarà presentato anche il prototipo di verticalizzatore “Rise”, espressione di un progetto di ricerca che vede coinvolti il Centro di riabilitazione motoria Inail di Volterra e l’Istituto di biorobotica della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa.

“Hannes”, la mano protesica di derivazione robotica. “Hannes” è una protesi di mano poliarticolata a controllo mioelettrico capace di restituire alle persone con amputazione dell’arto superiore oltre il 90 per cento delle funzionalità perdute. Il nome scelto è un omaggio alla memoria di Johannes Schmidl, direttore tecnico del Centro Protesi Inail. A lui si deve l’avvio dell’attività di ricerca protesica e la prima protesi mioelettrica Inail-Ceca del 1965.

Il prototipo di esoscheletro “Twin” e il verticalizzatore “Rise”.  “Twin” è un prototipo intermedio frutto di un progetto finalizzato al transfer tecnologico riguardante lo studio di nuovi sistemi ortesici teso a sviluppare un esoscheletro più evoluto con peso e ingombri più contenuti. “Rise”, invece, è un ausilio tecnologico per la riabilitazione del paziente con lesione midollare, ideato per potenziare l’operatività del paziente nel proprio ambiente di vita al fine di rendere più agevoli e sicuri gli spostamenti, beneficiando degli effetti fisici e psicologici offerti dalla postura eretta. “Rise” può essere considerato una carrozzina elettronica in grado di verticalizzare il paziente.

© 2018 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004