INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

25/03/2020

Arrivederci Tokyo, i Giochi olimpici rinviati di un anno

Il presidente del Cio, Thomas Bach, “La diffusione del virus in ogni parte del mondo è stata determinante. Ma ora siamo pronti a discutere diversi scenari futuri e ci impegneremo per individuare quelli ideali”. Luca Pancalli, numero uno del Cip: “Rinviare i Giochi è un segno di rispetto nei confronti di chi sta soffrendo”

Tokyo 2020
“La fiaccola olimpica sia luce in fondo al tunnel”, ha dichiarato il presidente del Comitato olimpico internazionale (Cio), Thomas Bach, commentando la decisione di rinviare i Giochi olimpici di Tokyo in programma quest’estate.

Thomas Bach: “La crisi è stata seguita passo dopo passo da una task force”. “Esisteva - ha spiegato Bach - una task-force da metà febbraio, abbiamo seguito le informazioni periodiche fornite da questo gruppo di lavoro che comprende il Cio, il Comitato organizzatore dei Giochi, gli amministratori di Tokyo, il Governo giapponese e l’Organizzazione mondiale della sanità. In questo momento c’è ancora molta incertezza per l’intera umanità”.

Il presidente del Cio: “Siamo insieme in un tunnel buio”. “Siamo tutti insieme in un tunnel molto buio - ha continuato Bach - non sappiamo quanto sia lungo questo tunnel e non sappiamo cosa succederà domani. Ma vogliamo che questa fiamma olimpica sia una luce alla fine del tunnel”.
Stop al viaggio della fiamma olimpica. All’indomani del rinvio dei Giochi di un anno, il comitato organizzatore ha subito annunciato lo stop al viaggio della torcia olimpica attraverso il Giappone. La partenza era prevista il 26 marzo da Fukushima.

Trump e Abe si coordineranno per mantenere i Giochi nella loro forma completa. Il presidente degli Stati Uniti e il primo ministro giapponese rimarranno in contatto per garantire lo svolgimento tra un anno della competizione. La decisione del rinvio è stata accolta con favore dalla stampa di tutto il mondo.

Luca Pancalli, presidente del Cip: “Rinviare i Giochi è un segno di rispetto nei confronti di chi sta soffrendo”. Anche il mondo paralimpico ha manifestato apprezzamento per la decisione del rinvio dei Giochi. Il presidente del Comitato italiano paralimpico, Luca Pancalli, ha dichiarato: “Sono orgoglioso di far parte di un movimento che antepone la tutela della salute umana agli interessi economici. Rinviare i Giochi è un segno di rispetto di chi sta perdendo i cari e soffrendo a causa del COVID - 19. Che i Giochi possano diventare un momento di rinascita”.

Bebe Vio: “Non dimentichiamo chi lotta per qualcosa di più grande”. Tra gli atleti anche la pluricampionessa paralimpica di scherma Bebe Vio ha espresso il suo sostegno alla decisione del rinvio: “Non dimenticare chi, ora e nei prossimi giorni, lotterà per non perdere qualcosa di più grande”. Alex Zanardi a sua volta ha commentato: “L’anno prossimo sarà ancora più complicato alla soglia dei 54 anni, ma non credete che non ci stia già pensando”.

© 2018 INAIL - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO - P. IVA 00968951004

Finanziamento del PON Governance 2014-2020 per la qualificazione dell'Inail come Polo Strategico Nazionale (PSN)