INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Ricerca e sperimentazione

La ricerca scientifica è elemento essenziale al miglioramento continuo delle cure riabilitative e assistenziali; per questo il Crm investe risorse umane e finanziarie in progetti di ricerca biomedica di tipo clinico e traslazionale (ossia finalizzata a trasferire i propri risultati nella diagnosi e terapia).

In particolare il Crm svolge attività di sviluppo e sperimentazione di tecnologie e metodiche innovative per la riabilitazione neuro-motoria, in collaborazione con Istituti di eccellenza nel settore quali l’Istituto Italiano di Tecnologia, l’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, l’Istituto di Neuroscienze del CNR (sede di Parma).

L'attività di ricerca si concretizza nella conduzione di studi clinici a cui i pazienti in cura presso il Crm sono invitati a partecipare, avendo quindi la possibilità di accedere a percorsi di cura innovativi e fruire di tecnologie avanzate.

I progetti di ricerca sono coordinati per il Crm dal dott. Paolo Catitti e le attività cliniche correlate ai trials sono seguite dalla dott.ssa Elisa Taglione, assieme ad un team di fisioterapisti per ciascuno studio. L’équipe del Crm si rende disponibile a tutti i colleghi degli uffici territoriali per ogni informazione utile ad agevolare la partecipazione degli Infortunati agli studi clinici, che costituiscono un’offerta riabilitativa di alto contenuto tecnologico e qualitativo.
 
 

Progetti in collaborazione con Iit – Fondazione Istituto Italiano di Tecnologia logo IIT
La collaborazione per la ricerca tra Crm Inail di Volterra e IIT, iniziata del dicembre 2011 e finalizzata allo sviluppo ed alla validazione clinica di dispositivi robotici per la riabilitazione di diversi distretti corporei, prosegue con una linea di ricerca focalizzata sulle esigenze di recupero funzionale delle persone con disfunzione post-traumatica della spalla. È in fase avanzata di realizzazione un esoscheletro robotico per l’arto superiore in grado di condurre i principali programmi di esercizio terapeutico per il recupero articolare e propriocettivo della spalla e di assistere i movimenti funzionali dell’arto superiore in una fase molto precoce del decorso post-traumatico o post-chirurgico, compensando quanto necessario i deficit di forza e facilitando il progressivo recupero del controllo e dell’efficacia del movimento.

Grazie alle caratteristiche innovative della struttura e delle prestazioni del dispositivo sarà possibile progettare percorsi riabilitativi estremamente personalizzati e finalizzati al precoce recupero delle abilità motorie e della performance occupazionale. La prima fase sperimentale del robot Inail-IIT per la riabilitazione della spalla è prevista nella seconda metà dell’anno 2019 e servirà a valutare la rispondenza del primo prototipo ai requisiti funzionali richiesti.
 
 
Progetto in collaborazione con l’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento Sant’Annalogo Istituto  Robotica

 
 
  • Progetto Rise
Il progetto di ricerca è finalizzato alla realizzazione di un dispositivo robotico per la verticalizzazione e la mobilità in interno, denominato RISE, con caratteristiche tecnico-funzionali innovative e più avanzate rispetto agli attuali modelli commerciali, in grado di dare risposta alle esigenze di autonomia e di reinserimento delle persone con paraplegia o altro grave deficit motorio a carico degli arti inferiori.

Il dispositivo è attualmente in fase di validazione nella clinica riabilitativa con uno studio pilota su pazienti con paraplegia da lesione midollare; l’obiettivo principale del trial sarà valutare le prestazioni dell’ausilio in termini di impatto psico-sociale e di capacità di aiutare il paziente a risolvere i problemi della vita quotidiana, con particolare riferimento alla mobilità ed all’accessibilità all’interno del proprio ambiente di vita, ma anche allo svolgimento di attività lavorative compatibili. L’invenzione di RISE ha ottenuto il brevetto italiano lo scorso 16/11/2018; a seguito dell'estensione internazionale con procedura PCT è stata depositata la domanda di brevetto in Europa il 15/11/2018.  Per gli aspetti di innovazione tecnologica al servizio delle persone con disabilità il progetto RISE ha recentemente ottenuto il Premio Nazionale Angi (Associazione nazionale giovani innovatori) per la categoria Industria & Robotica.
 
  • Progetto HABILIS

    Il progetto HABILIS si fonda sui progressi raggiunti negli ultimi decenni dalla neuro-riabilitazione robot assistita e si pone l’obiettivo di superare i limiti delle attuali soluzioni robotiche per la mobilizzazione della mano, attraverso la realizzazione di un dispositivo robotico indossabile (esoscheletro) finalizzato alla riabilitazione ortopedica robot-assistita della mano, che permetta 1) la mobilizzazione isocinetica attiva o passiva dei singoli giunti, 2) la mobilizzazione sinergica attiva o passiva delle singole dita, e 3) la mobilizzazione funzionale attiva o passiva della mano intera per il recupero funzionale in attività di vita quotidiana.

    La prima fase del progetto, attualmente in corso di svolgimento, prevede la selezione delle soluzioni meccatroniche più idonee per la realizzazione di singole falangi; seguirà lo sviluppo del sistema completo, equipaggiato con cinque moduli indipendenti di taglia regolabile, uno per ciascuna delle dita;  l’esoscheletro robotico (finale) sarà denominato ‘Hand Exoskeleton for Clinic Use (HX-Clinic)’ e si caratterizzerà per una elevata capacità di adattarsi alle molteplici alterazioni morfologiche e motorie della mano traumatizzata, assistendo i movimenti delle singole dita sia in modo indipendente che sinergico secondo una progressione che dal semplice esercizio analitico porterà il paziente a sperimentare precocemente gesti funzionali.
 
Progetto in collaborazione con l’Istituto di Neuroscienze del CNR sede di Parma 

Il progetto di ricerca, denominato KHARE, nasce dal confronto tra lo staff clinico del Crm Inail di Volterra
 e i ricercatori dell’Istituto di Neuroscienze del CNR ed è finalizzato alla progettazione e alla vlogo CNRalidazione clinica di un percorso terapeutico innovativo che integri  le modalità riabilitative tradizionali con
 l’approccio AOT (Action Observation Treatment, ovvero terapia basata sull’osservazione dell’azione) nel recupero funzionale di pazienti con condizioni post-traumatiche o post-chirurgiche da infortunio 
lavorativo.

Questo tipo di approccio riabilitativo, che ha come base scientifica l’attivazione del sistema dei “neuroni specchio”, costituisce una risorsa particolarmente utile perché consente ai clinici di agire sul sistema motorio del paziente non solo tramite un esercizio attivo ripetuto, ma anche tramite un’alternanza di esercizio attivo e osservazione dell’azione che dovrebbe facilitare meccanismi di plasticità sinaptica e consentire al paziente un recupero funzionale più rapido.

Al progetto contribuisce anche la Direzione Centrale Organizzazione Digitale (DCOD), con le proprie infrastrutture e con l’attività di consulenza tecnica: nello specifico, la DCOD ha messo a disposizio
ne del team di progetto la piattaforma tecnologica KHARE, un sistema in grado di misurare il movimento del corpo mediante un sensore Microsoft Kinect e di gestire i programmi di terapia secondo il metodo AOT.
Il progetto prevede una prima fase sperimentale di validazione dell’AOT in una popolazione di pazienti infortunati sul lavoro con disfunzione post-traumatica della spalla, ed una successiva estensione finalizzata a dimostrare l’impatto dell’approccio AOT anche nella riabilitazione del gesto lavorativo.



Certificazione UNI EN ISO 9001-2008 registrazione numero 4151-A logo accreditamento

Accreditato da Regione Toscana quale “Presidio redidenziale e semiresidenziale di riabilitazione funzionale costituito da 23 posti letto a ciclo continuo e 23 posti letto a ciclo diurno e centro ambulatoriale di recupero e riabilitazione funzionale" decreto dirigenziale nr. 5418/2018.
 

 

Ultimo aggiornamento: 04/08/2016