INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Operazioni maggiormente a rischio

Vista la pericolosità dei farmaci chemioterapici ed antiblastici, è necessario che l'esposizione professionale a tali sostanze sia mantenuta entro i livelli più bassi possibile.
Negli ambienti di lavoro l'assorbimento può avvenire principalmente per via inalatoria o percutanea. Le altre vie di penetrazione nell'organismo, come ad esempio per via oculare, dovuta a spruzzi, e per via digestiva, dovuta ad ingestione di cibi contaminati sono occasionali e dovute ad incidenti.
L'esposizione professionale a questi farmaci può coinvolgere differenti categorie di lavoratori e può verificarsi durante le diverse fasi dalla manipolazione allo stoccaggio e allo smaltimento dei rifiuti.
  1. Manipolazione e somministrazione
    Nella manipolazione dei farmaci chemioterapici ed antiblastici le operazioni più rischiose sono quelle che possono comportare la formazione di vapori e/o aerosol e/o la diffusione del preparato sotto forma di gocce.
    Ad esempio:
  • apertura della fiala del farmaco
  • manovra di riempimento della siringa
  • espulsione dell'aria dalla siringa durante il dosaggio del farmaco
  • rimozione dell'ago dai flaconcini dei farmaci
  • trasferimento del farmaco nel flacone per fleboclisi.
 
Durante la somministrazione del farmaco le manovre più a rischio per l'operatore sono:
  • l'espulsione dell'aria della siringa prima della somministrazione del farmaco
  • le perdite del farmaco a livello dei raccordi della siringa e/o del deflussore e  a livello della valvola del filtro dell'aria.
  1. Smaltimento
    Le operazioni di smaltimento di questi farmaci, del materiale utilizzato per la loro preparazione (guanti, camici, siringhe, ecc.) e gli escreti dei pazienti sottoposti a terapia con Ca, costituiscono ulteriori fasi di possibile contaminazione non solo per i medici e gli infermieri ma anche per il personale addetto ai servizi generali. Pertanto la valutazione del rischio, la redazione delle procedure e l’utilizzo di Dpi devono tenere in debito conto tutte queste attività anche attraverso l’utilizzo di procedure operative appropriate.

Ultimo aggiornamento: 21/06/2017