INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Categorie di pericolo, etichettatura e scheda dati di sicurezza

Le sostanze e le miscele (preparati, secondo la vecchia dizione) che sono immessi in commercio nel territorio della Unione Europea, sia prodotti che importati, devono essere valutati per le loro proprietà fisico-chimiche, tossicologiche ed ecotossicologiche al fine di individuarne la potenziale pericolosità per l'uomo e per l'ambiente.
Per uniformare la risposta a tale necessità la classificazione delle sostanze pericolose è stata disciplinata a livello europeo fin dal 1967, con l’emanazione della prima direttiva del Consiglio n. 67/548/CEE concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura delle sostanze pericolose.
Oggi il riferimento è il regolamento UE n.1272/2008 (Clp) sulla classificazione, l'etichettatura e l'imballaggio delle sostanze e miscele. Basato sul sistema armonizzato delle Nazioni Unite (GHS), il Clp è entrato in vigore il 20 Gennaio 2009 ed ha completamente sostituito le precedenti disposizioni dal 1 giugno 2015.
Il processo di classificazione delineato dalla normativa si conclude con l’eventuale definizione di pericolosità. I risultati sono comunicati:

  • agli utilizzatori della sostanza attraverso l'etichetta;
  • agli utilizzatori professionali anche attraverso le schede informative in materia di sicurezza.

Ultimo aggiornamento: 18/01/2019