INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Modalità della verifica e periodo transitorio

Per i lavoratori autonomi iscritti alle gestioni amministrate dall’Inps (artigiani, commercianti, lavoratori agricoli autonomi) che assolvono in proprio all’obbligo contributivo, ove il codice fiscale dei medesimi risulti non coincidere con quello dell’impresa da verificare, la richiesta di verifica della regolarità contributiva deve essere effettuata indicando il codice fiscale di ciascuno di essi.

La richiesta deve essere effettuata dal portale dell’ente ove è registrata la posizione riferita al codice fiscale del soggetto da verificare. Pertanto, ad esempio, nel caso di una società operante esclusivamente con soci lavoratori iscritta all’Inail con il relativo codice fiscale e i cui soci siano iscritti all’Inps, gli utenti devono:

  1. verificare dal portale Inail la regolarità della società indicando nel servizio online il codice fiscale della società stessa
  2. verificare dal portale Inps la regolarità dei singoli soci indicando il codice fiscale di ognuno.
Ciascun ente nei casi suddetti effettuerà il controllo in ordine alla sussistenza dei requisiti di regolarità nei propri archivi, fornendo il relativo esito nonchè l’informazione che il soggetto indicato non è iscritto presso l’altro ente.

La verifica della regolarità delle imprese agricole assicurate ai sensi del Titolo II del d.p.r. 1124/1965, per le quali i contributi assicurativi sono riscossi in forma unificata dall’Inps, deve essere effettuata esclusivamente dal portale dell’Inps.

La verifica di regolarità delle imprese cooperative e loro consorzi, che trasformano, manipolano e commercializzano prodotti agricoli e zootecnici alle quali, in deroga al suddetto regime previsto per l’agricoltura, si applicano le disposizioni del settore dell'industria, deve essere effettuata dal portale dell’Inail.
Se la verifica riguarda un soggetto che al momento della richiesta risulta titolare solo di posizioni assicurative cessate, la risultanza dell’interrogazione restituirà l’informazione sulla regolarità, avuto riguardo alla data fino alla quale l’impresa/il lavoratore autonomo ha operato.

In via transitoria e comunque non oltre il 1° gennaio 2017 restano assoggettate alle previgenti modalità di rilascio del Durc alcune tipologie di richieste, per le quali non è possibile effettuare le verifiche con modalità automatizzate.

Il servizio www.sportellounicoprevidenziale.it rimane attivo in via transitoria esclusivamente per le ipotesi di esclusione indicate all’articolo 9 del d.m. 30 gennaio 2015, riguardanti:
a) Durc in presenza di certificazione dei crediti rilasciati ai sensi dell’art. 13-bis, comma 5, d.l. 52/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 94/2012, in cui devono essere indicati i dati identificativi della “Richiesta Durc” prodotta attra