INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Documentazione sanitaria

I lavoratori coinvolti in attività che comportano l'esposizione a Slc devono essere sottoposti a sorveglianza sanitaria. Per tali lavoratori il medico competente predispone e gestisce la documentazione prevista dall'art. 25, comma 1 del D.lgs. 81/2008. In particolare, in base allo stesso comma, il medico competente:

  • istituisce, aggiorna e custodisce, sotto la propria responsabilità, una cartella sanitaria e di rischio per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria. Nelle aziende o unità produttive con più di 15 lavoratori il medico competente concorda con il datore di lavoro il luogo di custodia della documentazione
  • fornisce ai lavoratori e, su richiesta, ai rappresentanti ai lavoratori per la sicurezza (Rls) informazioni sia sul significato della sorveglianza sanitaria cui essi sono sottoposti sia riguardo gli accertamenti sanitari a cui i lavoratori dovranno essere sottoposti anche dopo la cessazione della attività, dato che l’esposizione a Slc ha la capacità potenziale di determinare effetti anche a lungo termine
  • informa ogni lavoratore interessato dei risultati della sorveglianza sanitaria e, a richiesta dello stesso, gli rilascia copia della documentazione sanitaria.

Nella cartella sono registrati anche i livelli di esposizione professionale individuali forniti dal servizio di prevenzione e protezione a seguito delle misurazioni periodiche e straordinarie (vedi comma 2 dell’art. 225 del D.lgs. 81/2008).


Alla cessazione del rapporto di lavoro, la cartella è inviata all’Inail e la documentazione sanitaria viene consegnata al lavoratore.

Ultimo aggiornamento: 09/05/2014