INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Definizione

Le Organizzazioni svolgono le proprie attività attraverso l’impiego di due componenti fondamentali: le risorse materiali e quelle umane. È oramai diffuso l’uso del termine “Fattore Umano” per indicare l’insieme delle risorse umane e delle attività da queste svolte per conseguire i fini organizzativi: questa definizione include tre aspetti strettamente intercorrelati tra loro:

  • Individuo: ovvero l’insieme delle competenze ed abilità, il vissuto personale, le motivazioni
  • Lavoro: occorre considerare aspetti quali la natura del compito, il carico di lavoro, le procedure, strumenti e metodi di verifica e controllo, ambiente
  • Organizzazione: e dunque leadership, struttura organizzativa, modalità comunicative, fini primari e secondari, valori condivisi.

Sebbene sia essenziale concentrare l’attenzione sull’individuo, sulla sua responsabilizzazione e sulle sue competenze, al fine di verificare che i suoi comportamenti siano congruenti con i fini ed i valori organizzativi, occorre prima di tutto intervenire a monte, ovvero sull’Organizzazione medesima e sulle modalità con le quali è gestito il lavoro, dal momento che i comportamenti delle figure appartenenti ai livelli operativi sono evocati da stimoli antecedenti e modificati da conseguenze che fanno capo alle scelte (o alla loro assenza o carenza) del vertice strategico.


Anche la normativa comunitaria ed italiana in materia di salute e sicurezza sul lavoro manifesta la consapevolezza dell’importanza del Fattore Umano e dell’implementazione di modelli organizzativi, imponendo attività di formazione ed informazione ed invitando a realizzare forme attive di coinvolgimento e partecipazione dei lavoratori; tali principi sono richiamati anche dalla norma BS OHSAS 18001:2007 e dalle linee guida Uni-Inail per i Sistemi di Gestione di Salute e Sicurezza sul Lavoro, che aggiungono l’esigenza di definire una gestione coordinata della comunicazione interna ed esterna.


Lo studio del Fattore Umano prende l’avvio dall’Ergonomia cognitiva, a partire dai lavori di Simon sulla teoria della razionalità umana sino alla teoria dell’errore umano di Reason negli anni ’90.

Ultimo aggiornamento: 26/10/2017