INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Vibrazioni al sistema mano-braccio

Esempi di sorgenti di vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio sono attrezzature quali: martelli demolitori, ribattatrici, smerigliatrici, scalpellatori, motoseghe, decespugliatori, ecc..
I principali problemi di salute, in caso di esposizione rilevante, sono: disturbi vascolari, osteoarticolari, neurologici e muscolari. I disturbi di natura vascolare sono i più comuni e corrispondono generalmente alla sindrome di Reynaud o “sindrome del dito bianco”.
La norma tecnica UNI EN ISO 5349-1 fornisce una previsione di massima per l’insorgenza della sindrome di Reynaud al permanere di una data esposizione giornaliera per un certo numero di anni.

L’esposizione si calcola considerando l’accelerazione somma vettoriale delle tre componenti sugli assi cartesiani definiti dalla stessa UNI EN ISO 5349-1.

Il testo unico sulla sicurezza del lavoro (d.lgs. 81/2008) dispone che nei periodi brevi (pochi minuti) le vibrazioni trasmesse non superino il valore di 20(il valore limite sui periodi brevi).

Per l’esposizione giornaliera invece sono fissate due soglie riferite ad un periodo di esposizione di 8 ore: il valore d’azione, pari a 2,5 e il valore limite, pari a 5.

È necessario restare sempre al di sotto dei valori limite, mentre il valore d’azione rappresenta una soglia che, qualora superata, obbliga il datore di lavoro alla sorveglianza sanitaria e ad una serie di adempimenti per il controllo e la riduzione dell’esposizione alle vibrazioni.

Il Portale Agenti Fisici (P.A.F. – www.portaleagentifisici.it, realizzato da Inail incollaborazione con: Regione Toscana, Ausl di Siena e Ausl di Modena), contiene una trattazione completa e approfondita del rischio lavorativo da esposizione alle vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio e delle relative misure di prevenzione e protezione.

In particolare include un’estesa banca dati e una relativa guida all’uso, utile per stabilire quando e come quest’ultima possa essere utilizzata nella valutazione del rischio.

 

Ultimo aggiornamento: 06/08/2015